cerca

Difensori di quale vita?

9 Ottobre 2008 alle 20:30

Quando si parla di oscena cultura di morte bisognerebbe, per evitare di fare del terrorismo psicologico, chiarire quale significato abbia la vita che ad essa si intende contrapporre. Perché, se si concepisce la vita come fatto meccanico o come principio astratto, allora è giusto dire che l’aborto e l’eutanasia sono tecnicamente degli omicidi ed è giusto anche che uno Stato liberale li persegua penalmente. Certo, l’aborto alimenta discussioni sul momento in cui si possa parlare di vita e, d’altro canto, l’eutanasia pone quantomeno il problema della validità del consenso dell’interessato, ma la questione è altra. Mons. Betori esclude che la vita possa essere oggetto di una libera scelta essendo essa stessa condizione per la scelta.Ma se la vita è condizione per la scelta, ne consegue che mancando la capacità di scegliere (per il bene o per il male) non ci sarà vita. In quest’ottica un feto non è ancora vita, un paziente in coma irreversibile non è più vita: tecnicamente, in ambedue i casi, non c’è omicidio. La vita inoltre, se è presupposto fisiologico della coscienza, non è soggetta a valutazioni di tipo morale, non è né bene né male. Ma se riteniamo che la vita abbia un valore in sé, dove cercheremo l’origine di questa convinzione se non nella nostra coscienza? Se la vita rende possibile la coscienza, è la coscienza che dà valore alla vita facendole assumere un significato che in natura non ha. Tale valutazione non può essere compiuta in astratto perché i principi morali o sono l’approssimativa idealizzazione di comportamenti funzionali alla sopravvivenza o, per i credenti, imperfette intuizioni della legge di Dio (San Tommaso, ci ricorda Mons Betori, raccomanda cautela nell’agire umano). Dunque la vita è soggetta alla coscienza degli individui e ciascuno è legittimato dalla ragione a valutare la propria e a decidere. I c.d. pro-life difendono un'idea meccanicistica e fideistica della vita. La ragione dice che tale convinzione vale quella opposta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi