cerca

Relativismo e schizofrenia

30 Luglio 2008 alle 13:45

Ha scritto Friederich Nietzsche:" I fatti non ci sono, bensì solo interpretazioni." Ecco la malattia dell'Occidente, la legge della cultura europea denunciata da Marcello Pera e Joseph Ratzinger. "Significa questo - scrive il filosofo laico ed ex presidente del Senato- non credere si possa attingere alla verità. Non soltanto alla verità assoluta, ma a qualsiasi valore morale oggettivo." E quando il relativismo è accompagnato da una soffocante visione ideologica può diventare anche una grave forma di schizofrenia. E allora assisitiamo a personaggi che piangono da un occhio solo per la pena di morte comminata contro Caino, e poco si dolgono contro altre condanne a morte...anzi a volte le pretendono! E che dire delle organizzazioni internazionali come l'ONU e il Parlamento europeo che si battono per "la libertà" nella definizione del genere(maschio, femmina, lesbica, gay), dell'aborto come "diritto", della manipolazione degli embrioni, e si disinteressano, per esempio, della libertà religiosa dei cristiani iracheni o della libertà della donna di non abortire ? Ebbene, ho buone ragioni per dire che la civiltà umana "della speranza e della carità per il tutto", che affonda le proprie radici nel cristianesimo, e che mette al centro l'uomo con tutti i suoi diritti e bisogni (dal concepimento alla morte naturale), è migliore di un islam nichilista o di una civiltà della morte e della "libertà per il niente" , che si "straccia le vesti" per l'inquinamento dei mari (impegno lodevole) ma si dimentica del diritto per l'uomo all'acqua potabile. Sarò politicamente scorretto,antirelativista o quello che volete, ma pretendo di far valere questo giudizio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi