cerca

Sabato e domenica nel Foglio. Che cosa c'è nell'inserto del fine settimana

Come tutti i weekend nel giornale ci sono dodici pagine di inserto culturale

26 Giugno 2020 alle 19:22

Sabato e domenica nel Foglio. Che cosa c'è nell'inserto del fine settimana

WahooArt.com Duello dopo il ballo in maschera, 1857 di Jean Léon Gérôme

Come tutti i weekend nel giornale ci sono dodici pagine di inserto culturale. Ecco che cosa trovate in edicola (e potete scaricarlo anche qui dalle 23 di venerdì). 

 


 

Libera nos a malo - Tredici mesi in galera da innocente senza poter celebrare la messa. Il cardinale George Pell e la sua prigionia. Tra accuse infamanti, gogna mediatica e la freddezza d’un Vaticano che tarda a riabilitarlo - di Matteo Matzuzzi 

 

La veste di Dio - Non è un abito, è il simbolo di un voto. Per interpretare la fede di due nuove suore la moda si mette a disposizione della religione - di Fabiana Giacomotti

  

E' verde il sol dell’avvenire - “Servono nucleare e innovazione, non socialisti, malthusiani e apocalittici”. Parla Michael Shellenberger - di Giulio Meotti

 

Kaspersky l’ottimista - Il miliardario russo famoso per il software antivirus dice che la pandemia non ci cambierà, ed è entusiasta per il futuro digitale che ci aspetta - di Eugenio Cau

 

Il Rasputin di Luxottica - Ad Agordo c’è un re con sei figli. Ma le chiavi dell’impero ce le ha un mago che sa maneggiare affetti e miliardi - di Stefano Cingolani

 

Le fragilità dei bianchi e dei razzisti convinti di non esserlo. La Bibbia delle proteste si chiama “White Fragility”. E’ il bestseller di Robin DiAngelo che mette sotto accusa la complicità bianca, ma vacilla a uno scrutinio più approfondito. Il confronto con gli altri saggi - di Mattia Ferraresi

 

Chi ha paura degli asteroidi - Crescono le assicurazioni contro gli oggetti che cadono dal cielo, ma la minaccia si è già trasformata in opportunità - di Umberto Minopoli

 

Tavolini selvaggi - Da Milano a Roma, né con l’ufficio né con lo smart working. La pandemia ha sconvolto la vera istituzione dell’Italia produttiva: la pausa pranzo - di Michele Masneri

 

La punitrice - Dal reality al teatro. Il nuovo album di Phoebe Bridgers trasforma la lingua delle reginette del pop americano. E ci racconta la fine, quindi l’inizio - di Simonetta Sciandivasci

 

Nuovo Cinema Mancuso “a casa e al cinema”: una rassegna di film consigliati da Mariarosa Mancuso

 

I luoghi perduti della giustizia - C’erano una volta le aule di tribunali e Corti d’Assise. Erano le cattedrali del diritto. Ma chi se le ricorda più? Ormai il destino dei grandi processi, come quello sulla Trattativa, si decide in tv. In primo e in secondo grado - di Giuseppe Sottile

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi