cerca

Sabato e domenica nel Foglio. Che cosa c'è nell'inserto culturale del fine settimana

Come tutti i weekend nel giornale ci sono dodici pagine di inserto culturale

7 Settembre 2018 alle 20:01

Sabato e domenica nel Foglio. Che cosa c'è nell'inserto culturale del fine settimana

Come tutti i weekend nel giornale ci sono dodici pagine di inserto culturale. Ecco che cosa trovate in edicola (e potete scaricare qui dalle 23 di venerdì)

 


 

L’enigma della follia – La Casa Bianca trasformata in Crazytown, secondo il capo dello staff. Eppure l’economia americana è in pieno boom. E in Italia, zig zag clamorosi ma la popolarità del governo continua a crescere – di Stefano Cingolani

 

I bravi ragazzi tech - Dopo anni di batoste, i ragazzini geniali della Silicon Valley sono pronti a diventare adulti. E a fare innovazione rispettando le regole – di Eugenio Cau

 

Il caso della Banca Romana, scandalo senza vaffa – Il caso della Banca Romana non coinvolse la politica rappresentativa. Un libro che parla anche al presente – di Giuseppe De Filippi

 

Paura sul Danubio - Ecco chi sono gli ideologi che stanno dietro Orbán. L’angoscia ungherese della perdita di territorio, popolazione e identità – di Giulio Meotti

 

Esce la mafia, dentro i migranti - La lotta ai boss non sembra più una priorità in Sicilia. I pm lavorano in pool sul traffico di esseri umani – di Riccardo Lo Verso

 

Ricordo di Tommaso LabrancaIl custode di effimero che ha retto la prova del tempo – Dieci anni fa lo scrittore pubblicava “78.08”, un Fantozzi virato sull’angoscia e aggiornato ai costumi del 2008. Come gli altri suoi libri non è invecchiato, perché il mondo non è cambiato molto, e perché lui era il più intelligente di tutti – di Claudio Giunta

 

Il futuro com'era - Mille modi per dare ordine al tempo. Nella casa museo di Barbanera, l’almanacco più popolare, che vende ancora anche se non serve più – di Luciana Grosso

 

Capolavori impossibili – La tarda età e l’opera assoluta, tra utopia e incomprensioni. Da un racconto di Balzac a Cezanne e Picasso – di Ugo Nespolo

 

Profondo rosso – Note comiche e note dolenti, dall’Urss al mondo scorbutico degli esuli. Dovlatov, lo scrittore che coltivava l’assurdo come chiave del mondo – di Marco Archetti



Un kolossal diventato reality - E’ la storia di un fisico sovietico al tempo della Guerra fredda. Anni di riprese, migliaia di non attori, dagli spazzini ai premi Nobel. E’ pronto “Dau”, e non è più solo un film. Sul set anche Carlo Rovelli – di Luca Gambardella

 

Nuovo Cinema Mancuso, una pagina con le recensioni di Mariarosa Mancuso sulle ultime uscite nelle sale cinematrografiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi