cerca

Fermi tutti! Un comunicato sulla Libia

Così percossa e attonita la terra al nunzio sta, diceva il poeta, e parlava della notizia della morte di Napoleone. Che è come dev’essersi sentita ieri la Libia insanguinata da una guerra civile alla notizia dell’ennesimo comunicato congiunto dei governi di Francia, Germania, Italia, Spagna, Gran Bretagna e Stati Uniti.

19 Agosto 2015 alle 06:22

Fermi tutti! Un comunicato sulla Libia

Bernardino Leon e Paolo Gentiloni (foto LaPresse)

Così percossa e attonita la terra al nunzio sta, diceva il poeta, e parlava della notizia della morte di Napoleone. Che è come dev’essersi sentita ieri la Libia insanguinata da una guerra civile alla notizia dell’ennesimo comunicato congiunto dei governi di Francia, Germania, Italia, Spagna, Gran Bretagna e Stati Uniti – questa volta sulla situazione a Sirte. Ascoltate questo passaggio: “Ribadiamo ancora una volta che non esiste una soluzione militare al conflitto politico in Libia”. Eccome no. I governi ribadiscono. Già ecco una nuova consapevolezza farsi strada nell’animo dei combattenti dello Stato islamico, eccoli deporre con ritrovata pietà i cadaveri appesi sulle croci, eccoli sospendere le decapitazioni dei ribelli che giovedì scorso tentarono una disperata sollevazione, eccoli i baghdadisti rinunciare per sempre all’utopia di uno stato jihadista a trecento chilometri dalle coste italiane e a pochi chilometri dai siti gasieri dell’Eni.  E sentite la forza di quest’altro passaggio dalla potenza ineluttabile: “Gli avvenimenti di Sirte sottolineano ancora quanto sia urgente che le varie fazioni libiche trovino un accordo per la formazione di un Governo di Concordia Nazionale”.

 

E noi che abbiamo speso questi anni dopo il 2011 a chiederci come mai le fazioni libiche stessero a cincischiare e a fare flanella tra Tripoli, Tobruk e Misurata, invece che agire come un sol uomo per il bene del paese. La risposta era: perché ancora mancava il comunicato congiunto dei sei governi. Tuttavia, il passaggio che ci riempie di maggiore ottimismo è il seguente: “Ci felicitiamo per la recente sessione di negoziati per il dialogo politico svoltasi a Ginevra e ribadiamo tutto il nostro appoggio al processo di dialogo guidato dal Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Bernardino León”. Si felicitano, i sei, per incontri che non stanno raggiungendo un risultato concreto che sia uno e che sono diretti da un inviato speciale dell’Onu il cui mandato in teoria è scaduto a marzo. Tranquilli, il mandato è stato rinnovato, un altro trucchetto per mettere fretta ai libici – e loro non ci sono mai cascati. E infatti continuano a fare i loro traffici e la loro guerra, e almeno queste cose servono a noi per avere l’illusione di essere sempre al round negoziale decisivo, quello che o funziona o si rompe per sempre. E invece ci si rivede tutti al prossimo tavolo. Teneteci fermi, sembrano dire i sei governi, che se non fosse per questo delicato processo di pace in corso saremmo già in Libia a menare le mani contro lo Stato islamico – non pensino di poter fare in Libia sotto i nostri occhi quello che hanno fatto in Siria e Iraq.

 

[**Video_box_2**]Ecco, a questi comunicati non crede nessuno. Non i governi, non le fazioni libiche che dovrebbero fare la pace e meno ancora lo Stato islamico. La politica non ottiene effetti. Converrebbe parlare della sua prosecuzione con altri mezzi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi