Processare un giornalista a Teheran

Martedì si è tenuta a porte chiuse a Teheran la prima udienza del processo al giornalista del Washington Post Jason Rezaian, iraniano-americano (ma l’Iran non riconosce la doppia cittadinanza), accusato di spionaggio “a favore del governo ostile degli Stati Uniti”, scrive l’agenzia Irna, e di propaganda contro la Repubblica islamica.

27 Maggio 2015 alle 06:30

Processare un giornalista a Teheran

Il giornalista del Washington Post, Jason Rezaian

Martedì si è tenuta a porte chiuse a Teheran la prima udienza del processo al giornalista del Washington Post Jason Rezaian, iraniano-americano (ma l’Iran non riconosce la doppia cittadinanza), accusato di spionaggio “a favore del governo ostile degli Stati Uniti”, scrive l’agenzia Irna, e di propaganda contro la Repubblica islamica. Rezaian è a capo dell’ufficio di Teheran del quotidiano americano dal 2012, da dieci mesi è detenuto nella prigione di Evin, il centro in cui durante le proteste dell’Onda verde, nel 2009, entrarono e scomparvero molti giovani manifestanti (per i primi due mesi con lui c’era anche la moglie, poi liberata dietro il pagamento di una cauzione): secondo il Washington Post, Rezaian non ha potuto scegliere il suo avvocato e ha avuto un colloquio durato soltanto un’ora e mezza con il legale che gli è stato imposto.

 

Non ci sono prove, le accuse sono “assurde”, dice il quotidiano, che ha anche cercato di inviare uno dei suoi dirigenti a Teheran, ma la domanda di visto è rimasta senza risposta. Non si sa quando ci sarà la prossima udienza, ma intanto il processo ha proiettato un’altra ombra sul negoziato in corso sul programma nucleare di Teheran: c’è chi spera che la questione venga risolta allo stesso tavolo, ma si tratterebbe comunque di un’eccezione ad personam. L’Onu ha contato, tra giugno 2013 e giugno 2014, 852 condanne a morte in Iran (soprattutto impiccagioni), il trend continua anche quest’anno, anzi secondo alcune ong si è intensificato (ci sarebbe stato un picco brutale ad aprile), ma i diritti umani non sono in testa all’agenda di questi incontri, non lo sono mai stati e non lo sono ormai più in nessun altro negoziato. Il realismo e la determinazione di Barack Obama a ottenere un deal con l’Iran hanno avuto il sopravvento, per la violazione dei diritti umani non si alza più nemmeno un sopracciglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi