cerca

La collera dei clienti Volkswagen, il Papa e Xi negli Usa e la musica in streaming. Di cosa parlare stasera a cena

In esclusiva per noi Marco Alfieri seleziona e propone letture, spunti e idee per sapere quello che succede nel mondo.

22 Settembre 2015 alle 19:05

La collera dei clienti Volkswagen, il Papa e Xi negli Usa e la musica in streaming. Di cosa parlare stasera a cena

Frase del giorno


Ormai fanno auto così intelligenti che ti fregano…”

 

Antonio Polito


 

 

Fuoristrada

 

Volkswagen ammette di aver truccato i test di 11 milioni di auto. L’azienda tedesca montava su alcune macchine diesel un software che limitava le emissioni tossiche solo durante i test in laboratorio. Il ministero dei trasporti italiano ha già interpellato il gruppo automobilistico per informazioni sulle auto vendute in Italia. Il ministro delle finanze Bernard Sapin ha chiesto un’indagine europea (via Internazionale).

 

Com’è saltato fuori lo scandalo, chi lo ha scoperto, che impatto può avere? Un po’ di recap sulle rivelazioni che fanno tremare il colosso di Wolfsburg e le reazioni della stampa tedesca.

 

Il vero danno? La collera dei clienti Volkswagen, che si sentono traditi da un marchio famoso per efficienza e credibilità. Mentre dopo gli Usa adesso rischia di aprirsi il fronte europeo.

 

Giusto per capire l’impatto che potrebbe avere lo scandalo: qualche numero sui lavoratori del gruppo (solo in Germania un posto di lavoro su sette dipende dal settore automotive) e le vendite di VW nel mondo, divise per area geografica. Mamma mia!

 

 

Impressioni di settembre

 

Le posizioni del Papa su aborto, diritti civili e grandi questioni etiche che dividono gli americani, messe in fila dal Nyt.

 

Anche se la vera sfida di Bergoglio è questa: riuscirà il successore di Pietro a fermare l’emorragia del voto ispanico-cattolico? Già, bella domanda.

 

L’altro illustre ospite negli States è il presidente Xi Jinping. Il leader cinese comincia da Seattle e dalle imprese tech il suo viaggio americano, in un momento in cui la sicurezza dei dati informatici è uno degli argomenti più sensibili del dialogo tra i due paesi. Qui l’intervista al Wsj in cui, tra le altre cose, Xi difende l’azione economica dell’amministrazione cinese e promette riforme. Secondo Andrew Browne, l’inasprimento dei dossier economici potrebbe rappresentare per le imprese Usa una minaccia persino maggiore delle tensioni militari.

 

Le economie di Usa e Cina a confronto in questa bella infografica di #Afp.

 

Nel frattempo Pechino ha appena arrestato una cittadina americana accusandola di spionaggio (la cyber war è l’altro grande dossier sul tavolo di Xi e Obama).

 

 

Se ne parla oggi

 

Melodrachma. Qualche buon motivo per dubitare della svolta forzata di Tsipras in Grecia (il punto è convincere davvero i creditori internazionali).

Il grande esodo. Siamo alle solite. Sì al piano, ma l’Europa si spacca. Il Consiglio dei ministri interni della Ue, vista l’impossibilità di raggiungere l’unanimità, ha votato a maggioranza qualificata il documento sui migranti presentato dalla presidenza dell’Ue. Contro la ridistribuzione di 120 mila profughi, approdati in Italia e Grecia, si sono schierati Ungheria, Romania, Slovacchia e Repubblica Ceca. A proposito. Per i ragazzini migranti accampati a Calais qualcuno di buon cuore ha attrezzato una scuola di fortuna. Il video reportage di Bloomberg.

Sabbie arabe. La Russia ha cominciato a far volare i droni sulla Siria. Le missioni di ricognizione sembrano confermare la volontà di Mosca di creare una base militare sul territorio per aiutare Assad. E poi gli ultimi aggiornamenti sull’avanzata del califfato in Libia, in una utile mappa.

Segui i soldi. Le incomprensioni tra mercato e Fed? Una sfilza di guai grande così (secondo Andrea Boda).

 

 

Mappa del giorno


Se qualcuno avesse ancora dubbi su dove si è spostato l’asse commerciale del mondo, guardi questa immagine relativa al traffico dei container…

 


 

                                                                                                     

Argomenti di dibattito

 

A ciascuno il suo. Il lavoro irregolare non è lo stesso in tutta Italia. Esistono significative differenze tra regioni. Anche le conseguenze della grande recessione sul lavoro nero sono diverse nelle varie aree del paese. E politiche efficaci richiedono una conoscenza approfondita degli aspetti regionali del fenomeno.

Merger-mania. Ma il 2015 sta per caso diventando l’anno bis del 2007 per l’industria globale delle fusioni/acquisizioni?

Attaccati alla vita. Come si sopravvive ad un tentato suicidio? Vice ha incontrato un po’ di persone che c’hanno provato…

Nuovo cinema cinese. Come, dall’action alla commedia romantica, il cinema mainstream cinese contemporaneo sta rappresentando i cambiamenti economici, sociali e culturali del paese.

 

 

Cose da sapere

 

Albero della vita. La sua versione più recente e completa mostra magnificamente 2,3 milioni di relazioni tra specie umane.

Fine di un’era. Per la prima volta, le vendite di musica in streaming hanno superato quelle fisiche. Peraltro si tratta di un dato rilasciato prima che il servizio Apple Music fosse lanciato, quindi…

Il grande balzo. Nel 1990 i produttori di alluminio cinese fornivano il 4% della produzione mondiale. Oggi il 52 per cento.

Il passato che non passa. Nonostante tutto, gli italiani si dividono ancora tra destra e sinistra.

 

 

Ossessioni

 

Altri studi. Una ragazza su 5 negli Usa è vittima di aggressioni sessuali al college. Lo straordinario e crudo video di Lady Gaga.

Effetto contagio? Ma l’Alzheimer potrebbe davvero essere infettivo? Ora uno studio britannico pubblicato su Nature rilancia l’ipotesi.

iCar. Il Wall Street Journal ha scoperto tempi e dettagli del progetto "Titan" di Apple, per produrre un'auto elettrica entro il 2019.

 

 

Mettetevi comodi

 

Il mestiere delle armi. Un incredibile tour nelle fabbriche ucraine dei carri armati alla “Mad Max”.

Vatican Insider. Breve storia del rapporto tra Usa e Papato secondo Politico Magazine.

Tutto scorre. In che modo il grande fiume Congo continua a rappresentare una delle principali arterie di comunicazione africane. Un bellissimo reportage di Roads&Kingdoms.

Il re del gol. Ricordo vibrante di Andriy Shevchenko (adeso che ha smesso di gonfiare la rete)...

 

 

C’era una volta


Sono già passati trent’anni dall’omicidio del giornalista Giancarlo Siani per mano della Camorra

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi