cerca

Una sedia nel paradiso del prof. Ratzinger, per rimirar le stelle

Da una segnalazione benevola, o beatificante, abbiamo letto sul Foglio del 7 luglio una nota del prof. Ratzinger, il quale dal vertice della sua potenza ricorda la funzione esaltante – in senso religioso – di tre compositori. Considerandoli noi discretamente, i maestri Bach, Mozart e Palestrina veng

29 Agosto 2015 alle 06:25

Da una segnalazione benevola, o beatificante, abbiamo letto sul Foglio del 7 luglio una nota del prof. Ratzinger, il quale dal vertice della sua potenza ricorda la funzione esaltante – in senso religioso – di tre compositori. Considerandoli noi discretamente, i maestri Bach, Mozart e Palestrina vengono visti in una sorta di gloriosa e glorificante cattedra destinata, forse, a esaltare i devoti, come accade fra vicini di casa, o frequentatori dello stesso bar: un prodigio di modernità avendo risolto la questione della grafia, che li induce a scegliere, abolite le note, segni e simboli di mera invenzione: facili da apprendere e da mutare in suoni: “moderni”, come li avrebbe fulminati Cristina Campo. I caratteri autonomi, poi, sarebbero nella pratica mutati in qualcosa d’altro: una stravaganza, per così dire, musicale: come avviene per due degli exempla suddetti e d’altri simili, che alla estraneità radicale risultano, come è noto, sensibilissimi.

 

Le cose poi non sono tanto ovvie. La storia della musica esige molto tempo per ammettere i candidati alle stelle che, per la vanità nostra e loro, sono più frequenti dei tre suddetti. I caratteri autonomi vengono nella pratica quotidiana affidati a zone legate dai ben noti segni e, con esse, alle specifiche partiture (quei cari Eulenburg, Breitkopf, Durand, e via ringraziando).
Sono così citati i colleghi, vale a dire i futuri immortali per definizione: non più immortali degli omonimi di Parigi o Lipsia.

 

Nella stupefacente pagina del giornale, vi era una deliziosa fotografia: archi e pianoforte, ossia la sigla Klavierquartett, o Klarinettenquartett. La ragione è ben chiara da compositore a compositore: è comunque certo che Bach e Mozart chiacchierino nei Campi Elisi, come Virgilio garantisce, e il grande Palestrina (sia pure riscoperto dal giovane Debussy) nel paradiso del parroco. Oltre il tempo e il luogo speriamo che il Professor ci trovi una sedia, stante le sue capacità di opzione e collocamento: Ad sidera! Se ne vedranno in effetti di belle (vogliamo dire soavi), senza essere nemmeno obbligati a leggere Kant e Heidegger.
Un amico, pianista ferratissimo, ci assicura di aver ascoltato, passeggiando verso il palazzo di Castel Gandolfo, un frammento di Schumann.

 

Ossequi, Santità

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi