cerca

No, Fuksas a Notre-Dame no! Viva la Guglia Verticale

C’è da ricostruire la guglia della cattedrale e il governo francese ha invitato tutte le archistar di buona volontà a partecipare a un concorso per rifarla più bella che pria

9 Maggio 2019 alle 06:14

No, Fuksas a Notre-Dame no! Viva la Guglia Verticale

foto LaPresse

No, dai, per favore no. Qualcuno chiami quel magnifico jupiterien di Macron e gli dica di non farlo, se no è la volta buona che ci facciamo ridare la Gioconda. C’è da ricostruire la guglia di Notre-Dame, quella che era bruciata come un fiammifero, e il governo francese ha invitato tutte le archistar di buona volontà a partecipare a un concorso per rifarla più bella che pria. Si è fatto avanti l’inglese Norman Foster che avrebbe in mente una guglia leggera con struttura in vetro e acciaio. Lo Studio NAB, probabilmente sotto l’influenza di Greta, vorrebbe cambiare tutto e inventare una cattedrale “in green for all”: mettendo al posto del tetto finito in cenere una serra che contempli, come un Bignami del Genesi, tutta la biodiversità. Roba che i lefebvriani di Francia e i tradizionalisti di tutto il mondo li metterebbero al rogo. Ma fin qui, viva la laïcité, siamo nel campo delle ipotesi di buona volontà.

 

Poi però è arrivato Fuksas, Massimiliano Fuksas. Che del resto a Parigi ha uno studio da molto tempo. E niente, lui vorrebbe fare una guglia in cristallo Baccarat che possa essere illuminata di notte. Dice che sarebbe “il simbolo della fragilità della storia”. Più che altro, pare una baracconata che manco un castello delle fiabe di Disney, o il tempio dei Mormoni a Salt Lake City (o alla Bufalotta). Per favore, ditelo a Macron: la guglia che si illumina come una spada laser no e poi noi. Siamo milanesi: noi abbiamo il Bosco, e se Macron vuole gli regaliamo il progetto di una Guglia Verticale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • joepelikan

    09 Maggio 2019 - 16:04

    Effettivamente l'abolizione del rogo è stato una gran perdita. Ogni volta che passo a Campo de' Fiori ho un sospiro di nostalgia. E comunque che noia questi architetti contemporanei. La loro paucità è debilitante.

    Report

    Rispondi

  • Dario

    Dario

    09 Maggio 2019 - 09:09

    Bello il tetto trasparente. Ma senza biodiversità: solo il cielo stellato (alla Giotto) sopra di me (e la legge morale dentro di me). Certo poi se splende il sole il fedele si cuoce.

    Report

    Rispondi

Servizi