cerca

Sapienza al Tg1, o no!

Il telegiornalone dedica un servizio all'università romana che ha vinto la classifica degli studi classici. E lo presenta con questo tono: nell’èra digitale fortuna che noi italiani siamo ancora forti sulla poesia e le antichità

7 Marzo 2019 alle 06:00

Sapienza al Tg1, o no!

Prendete un Tg1 che si sveglia dal letargo con un’inedita fregola sovranista, prendete un’università che si sveglia sul tetto del mondo degli studi umanistici, mejo di Oxford. Shakerate bene, e viene fuori qualcosa di buffo, o peggio di significativo. E’ vero, come diceva un vecchio fogliante che celiava di aver “fatto il Nautico a Camogli”, che il mondo si divide tra chi ha fatto il Classico e chi no. Ma fino a un certo punto, dopo fa ridere. Il telegiornalone ha dedicato alla Sapienza che ha vinto la classifica degli studi classici un servizione. L’umanesimo è importante, certo. Però lo presenta con questo tono: nell’èra digitale e in un mondo globalista in cui dominano la scienza e l’Internet (signora mia) e ci mangiano tutti la pappa in testa, fortuna che noi italiani siamo ancora forti sulla poesia e le antichità. Intervistano gli studenti, che invece di dire perché amano i classici, rispondono tipo: “Io sono un po’ contro”, inteso il digitale, a me la tecnologia e il web non piacciono. Come se la scienza impedisse di studiare Vitruvio, il primo tecnologico della storia. Intervistano prof e scrittori intellò (eppure hanno studiato, Gesummio) e dicono che in questa Europa burocratizzata e dominata dai tecnocrati essere italiani e passatisti e attaccati alle arti del Trivio è la nostra mission. E pensate quando ci daranno il premio in antivaccinismo: tiggì champagne! (Anzi no: prosecchino).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    07 Marzo 2019 - 16:04

    La triste realtà è che gli ingegneri, i fisici, i biologi, i chimici, insomma gli scienziati, specialmente quelli bravi se ne vanno all'estero, vengono subito assunti dalle grandi aziende di mezzo mondo e sono sempre di meno quelli che in Italia studiano il latino e il greco antico. Poi ognuno se la canta e se la suona a piacer suo.

    Report

    Rispondi

  • Chichibio

    07 Marzo 2019 - 11:11

    Architetto è un muratore che ha studiato latino (Adolf Loos). Base umanistica e studi di scienza non sono in contraddizione.

    Report

    Rispondi

Servizi