cerca

Non era solo un innocente in galera. Il caso Pell, il Dreyfus che nessuno voleva vedere

Il libero spirito critico del mondo liberale si è accodato alla campagna predatoria contro l’orco cattolico. Obiettivo: ridurre quel residuo antimoderno che è la chiesa alla ragione postilluminista. Storia di un’assoluzione e di uno scandalo giacobino

8 Aprile 2020 alle 06:17

Non era solo un innocente in galera. Il caso Pell, il Dreyfus che nessuno voleva vedere

Il cardinale George Pell (foto LaPresse)

La Corte suprema dello stato di Victoria, Australia, non ha soltanto assolto all’unanimità il cardinale George Pell da un’accusa infamante di pedocriminalità non sostenuta da prove, alimentata da furia fanatica e da denunce e testimonianze a porte chiuse. Questo è avvenuto ed è stato decisivo per scarcerare un innocente. Pell aveva perso il rango di numero tre del Vaticano, che si era conformato a procedure giudiziarie inaudite il cui effetto era stato la decapitazione della gerarchia cattolica, vecchio obiettivo della...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giancimoi

    08 Aprile 2020 - 18:14

    lei, Dott Ferrara,onora il giornalismo occidentale. laico e non radical chic.

    Report

    Rispondi

  • maropadila

    08 Aprile 2020 - 12:48

    Basta notare che, sul sito di Avvenire, la notizia è relegata quasi a fondo pagina, come, del resto sull'edizione cartacea. Ciò la dice lunga sul comportamento della gerarchia vaticana nei confronti del cardinale Pell.

    Report

    Rispondi

  • José Velaz

    08 Aprile 2020 - 10:14

    Grazie, grazie, grazie.

    Report

    Rispondi

  • zucconir

    08 Aprile 2020 - 08:51

    Gravissimi i danni prodotti dalla caccia alle streghe di un mondo liberal bigotto e settario. Che mentre esalta ogni tipo di comportamento e scelta sessuale non conformista condanna e mette in croce chiunque non la pensi allo stesso modo. Un pensiero serrsrio ed assurdo che ha il suo epicentro in alcune delle più prestigiose università degli Stati Uniti. Si bandiscono libri, perché non bruciarli?, si isolano o si cacciano professori dupertitolsti in nome di questo credo che vuole addirittura riscrivere la storia. Si boicotta o aziende multinazionali che danno un immagine tradizionale dei loro prodotti, vedi la Barilla costretta all:abiurs per la pubblicità del mulino bianco che fa troppo famiglia. Stessa. Cosa per il "metoo" che non salva nessuno anche per presunti a usi di 30 anni prima. Denunce tutte a carico di ricchi e famosi. Mai un impiegato del catasto o del supermercato. E la Chiesa Cattolica! Che bersaglio magnifico.! È certamente l'origine di ogni male! Lunga vita a Pell..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi