Il lavoro più duro del mondo

Piero Vietti

Un bel video trovato su Mashable, in cui si vedono dei colloqui di lavoro effettuati via Skype a persone che hanno risposto a un annuncio visto su Internet e su alcuni quotidiani.

Un bel video trovato su Mashable, in cui si vedono dei colloqui di lavoro effettuati via Skype a persone che hanno risposto a un annuncio visto su Internet e su alcuni quotidiani. La posizione cercata è "direttore delle operazioni". Un po' troppo vago, in effetti. Al colloquio viene spiegato meglio di che si tratta. I candidati rimangono un po' spiazzati dalla richiesta: disponibilità 24 ore su 24, 365 giorni l'anno, con lavoro extra durante le vacanze e le festività. Richiesta mobilità continua e paga pari a zero. Eppure, assicura l'uomo che fa il colloquio ai candidati, le sensazioni che si provano nell'aiutare il cliente sono incommensurabili. "No!", dicono gli aspiranti dipendenti. "Chi è il pazzo che accetterebbe di fare una cosa del genere?", si chiedono. Eppure lo stanno già facendo miliardi di persone in tutto il mondo, viene loro risposto. E' a quel punto che scoprono di che lavoro si tratta.

  • Piero Vietti
  • Torinese, è al Foglio dal 2007. Prima di inventarsi e curare l’inserto settimanale sportivo ha scritto (e ancora scrive) un po’ di tutto e ha seguito lo sviluppo digitale del giornale. Parafrasando José Mourinho, pensa che chi sa solo di sport non sa niente di sport. Sposato, ha tre figli. Non ha scritto nemmeno un libro.