cerca

Email e articoli dannosi (non solo per l'ambiente)

La Rivoluzione industriale ci fa una pippa.

Segui Piero Vietti su Twitter

12 Luglio 2011 alle 15:20

Stanno rialzando la testa, dopo un annetto buono di (quasi) tregua. Ricominciano gli articoli demenziali che spiegano che facendo questo o quello si "inquina" come nemmeno una fabbrica di carbone londinese durante la Rivoluzione industriale. E' il caso di questo pezzo pubblicato da Repubblica.it, che spiega come inviare otto email equivale a guidare un'automobile per un chilometro.

Il trucco è il solito: quello che il giornalista ambientalista collettivo chiama "inquinamento" altro non è che CO2, quell'andidride carbonica fondamentale per la vita sulla Terra (se non ci fosse non ci sarebbe la vita, per dirlo chiaramente). E' chiaro che guidare un'automobile per un chilometro inquina (nel gas di scarico ci sono sosatnze più inquinanti dell'anidride carbonica), ma al catastrofista non interessa: il nemico è la CO2 (prodotta dall'uomo ça va sans dire), quindi qualsiasi "ricerca" che dimostri che fare un qualsiasi gesto ne produce (dall'inviare mail al fare le puzzette in ascensore) è una buona scusa per parlare – erroneamente – di inquinamento e catastrofe climatica prossima ventura.

Qualcuno avverta questi cantori dell'apocalisse quanta CO2 producono a scrivere certe "notizie". Magari è la volta che smettono.

Segui Piero Vietti su Twitter

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi