cerca

Gli appunti di Ciampi e i processi utili a prescindere

Nel corso dell’udienza del processo sulla cosiddetta trattativa stato-mafia, il procuratore aggiunto Vittorio Teresi ha avanzato la richiesta di acquisizione delle agende, conservate al Quirinale, che contengono gli appunti del presidente Carlo Azeglio Ciampi per gli anni 1993 e 1994.

8 Ottobre 2016 alle 06:15

Gli appunti di Ciampi e i processi utili a prescindere
Ieri, nel corso dell’udienza del processo sulla cosiddetta trattativa stato-mafia, il procuratore aggiunto Vittorio Teresi ha avanzato la richiesta di acquisizione delle agende, conservate al Quirinale, che contengono gli appunti del presidente Carlo Azeglio Ciampi per gli anni 1993 e 1994. La richiesta si fonda su un accenno a quelle carte fatto dal presidente Ciampi quando fu sentito come testimone dai pm palermitani nel 2010. Un accenno abbastanza vago e i pm ne vogliono sapere di più e per questo chiedono l’acquisizione. All’epoca di quegli appunti, Ciampi era a capo del governo che dovette affrontare gli attentati mafiosi al patrimonio artistico di Roma, Milano e Firenze. Uno snodo importante delle vicende che il processo affronta, ma è lecito pensare che, sugli aspetti rilevanti della questione, un uomo come Ciampi non sia stato reticente, né paiono pensarlo i pubblici ministeri. Solo che ne vogliono sapere di più e quella citazione marginale su quegli appunti deve averli ingolositi. Del resto Vittorio Teresi è quel magistrato che in una intervista sostenne che i processi sono utili, indipendentemente dal loro esito, per allargare l’orizzonte delle conoscenze storiche perché i pm hanno strumenti più incisivi dei professori universitari per accedere alle fonti. Se non condanne il processo produrrà tesi di laurea?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi