cerca

Contro la legge Zan

Premesse giuste, le norme meno. I guai del testo anti omo-transfobia

25 Luglio 2020 alle 06:00

Contro la legge Zan

Foto LaPresse

La legge contro l’omotransfobia in discussione in commissione alla Camera presenta aspetti piuttosto delicati. Naturalmente è giusto sanzionare comportamenti discriminatori o persecutori a causa dell’orientamento sessuale, ma questo dovrebbe già essere garantito dalla normativa vigente. Si sarebbe potuta inserire una aggravante per i reati commessi con questa motivazione, senza istituire un nuovo reato difficile da definire in modo preciso e che quindi può generare una giurisprudenza contraddittoria.   Gli atteggiamenti “fobici” non possono essere di per sé considerati un reato,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Chichibio

    31 Luglio 2020 - 19:08

    Somiglia al reato di femminicidio. (NB.Il correttore automatico mi segnala che il termine non è riconoscibile tra i vocaboli in lingua italiana).

    Report

    Rispondi

  • joepelikan

    26 Luglio 2020 - 14:44

    Il problema non è che si vuole combattere la discriminazione, ovvero il "trattare diversamente ciò che è uguale", ma il discernimento, ovvero il "trattare diversamente ciò che è diverso". Comunque, a voi il mio plauso.

    Report

    Rispondi

  • Carletto48

    25 Luglio 2020 - 11:18

    Ad un giudice di Roma è stata affidata una causa di rissa per questioni di parcheggio. Uno dei due contendenti si è dichiarato gay e quindi il giudice in ottemperanza alla legge Zan, di recente applicazione, ha condannato l'altro contendente ad una pena di 1000 anni di reclusione nonchè ad una multa di un milione di euro per il reato di transomofobia.

    Report

    Rispondi

Servizi