cerca

Addio a Christopher Hitchens, "the contrarian"

Christopher Hitchens è morto ieri, a 62 anni, a causa del cancro all'esofago che l'ha colpito un anno fa. Il Foglio ha avuto modo di conoscere e apprezzare uno dei saggisti e polemisti più brillanti degli ultimi decenni in particolare durante gli anni della guerra in Iraq: Hitch, come lo chiamavano gli amici, era trotzkista, ma era diventato uno dei più grandi sostenitori dell'intervento contro la dittatura irachena e contro l'islamofascismo.

16 Dicembre 2011 alle 10:51

Christopher Hitchens è morto ieri, a 62 anni, a causa del cancro all'esofago che l'ha colpito un anno fa. Il Foglio ha avuto modo di conoscere e apprezzare uno dei saggisti e polemisti più brillanti degli ultimi decenni in particolare durante gli anni della guerra in Iraq: Hitch, come lo chiamavano gli amici, era trotzkista, ma era diventato uno dei più grandi sostenitori dell'intervento contro la dittatura irachena e contro l'islamofascismo. Uno assalito dalla realtà, un po' come tutti noi. Il suo ultimo libro è una raccolta di saggi, Arguably, una sintesi perfetta di quello che era Hitchens: scriveva e parlava con un'arte rara, discuteva con tutti per qualsiasi cosa, con i suoi amici soprattutto, il suo massimo divertimento. "The contrarian", lo definiscono gli inglesi.

Leggi Solo un sogno triste. Amis scrive il necrologio da vivo di Hitchens

Leggi Hitchens spiega l’islamofascismo e la mollezza della sinistra

Leggi Argomenti antifascisti per combattere da sinistra (e con Bush) la guerra al totalitarismo islamico

Leggi Sullivan e Hitchens, i bastiancontrari che hanno vinto la guerra delle opinioni

Leggi il ricordo di Christopher Buckley sul New Yorker

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi