cerca

Non ci resta che la bomboletta

Chiamate “Chi l’ha visto?”, perché qui iniziamo a preoccuparci davvero. 

20 Giugno 2014 alle 14:10

Chiamate “Chi l’ha visto?”, perché qui iniziamo a preoccuparci davvero. Si può sapere, di grazia, dove sono finiti i signori Gassama e Shukralla? Perché il designatore Busacca a loro due non affida neanche una partita (neppure Iran-Argentina o Ecuador-Honduras, tanto per fare due esempi di sfide non propriamente da orgasmo) e preferisce concedere il bis a chi in campo è già sceso? Forse, l’unica risposta possibile è la più semplice: perché non si fida, li reputa inadeguati a un Mondiale. Sarà perché il primo è del Gambia e il secondo del Bahrein, dove non è dato sapere quale sia la qualità del giuoco del calcio. Sarà perché Busacca voleva la doppia terna italiana (Rocchi con Rizzoli) e magari la doppia inglese (Clattenburg con Webb), e s’è dovuto arrendere dinnanzi ai niet di Blatter, interessato a compiacere le federazioni più piccole (ai Mondiali 2010 abbiamo visto anche il mitico Eddy Maillet, fischietto delle Seychelles e caso unico di arbitro e designatore allo stesso tempo). Intanto le prestazioni dei fischietti continuano a essere discrete, senza però esaltare. La Fifa fa di tutto per complicare loro la vita, tra bombolette da tenere attaccate al deretano e spostamento in campo che un arbitro fa solo nei campionati dilettantistici regionali: sempre al centro e poca mobilità, con la conseguenza di essere in mezzo al gioco, rischiando di essere preso a pallonate o di fermare qualche azione importante. Fateci caso: all’inizio si pensava fosse un vezzo del nipponico Nishimura, ma col passare dei giorni la sciagurata movenza ha preso piede. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi