cerca

Come superare i guai da crollo delle Borse senza dover volare Alitalia

Un nostro giovane amico e collega, il grande esperto di Caucaso e oleodotti Luigi De Biase – unico neo: odia gli aperitivi e ci dà dei vecchi (!) perché ci andiamo – mi fornisce inaspettatamente un indirizzo per chi voglia dimenticare tutte le cose sopra dette (tutte insieme), trasgredendo per un giorno, in onore dei lettori di questa rubrica, al suo odio per l’aperitivo (grazie). Il luogo è Baku, nella repubblica dell’Azerbaijan.

22 Settembre 2008 alle 10:34

Alitalia

Alitalia (foto LaPresse)

Dimenticare, dimenticare, dimenticare – un amore, l’autunno che arriva troppo in fretta, l’Iphone nuovo da far funzionare, la crisi Alitalia, la crisi del Pd, la crisi di Wall Street, l’improvvisa e improvvida chiusura (nelle ore serali, dopo le 20) del Vivibistrot, locale romano situato all’interno di Villa Pamphili, luogo piacevolissimo per aperitivi e cene: tanti alberi, un bel mobile balinese, molto spazio di sicurezza tra un tavolo e all’altro, grande lontananza da macchine, suonatori ambulanti, conoscenti pettegoli seduti, appunto e ohimé, troppo vicini a voi. Un nostro giovane amico e collega, il grande esperto di Caucaso e oleodotti Luigi De Biase – unico neo: odia gli aperitivi e ci dà dei vecchi (!) perché ci andiamo – mi fornisce inaspettatamente un indirizzo per chi voglia dimenticare tutte le cose sopra dette (tutte insieme), trasgredendo per un giorno, in onore dei lettori di questa rubrica, al suo odio per l’aperitivo (grazie). Il luogo è Baku, nella repubblica dell’Azerbaijan. Non serve l’Alitalia per arrivarci, e di sicuro tra un po’ ci arriverà un low cost. Pare che il thé – corretto o meno – bevuto a Baku sulle terrazze del Museum Inn, bistrot elegante e discreto della città vecchia dove i camerieri preparano narghilé alla mela e all’arancio per gli affaristi arrivati dalla Russia, riesca a far dimenticare qualsiasi guaio d’amore o di Borsa. Pare che il Patio di Mozart, locale di Baku da cui si ammira il lungomare dei petrolieri, sorseggiando vino georgiano e pizza turca, per poi proseguire la serata (se si ha l’animo trash) nei karaoke notturni del distretto commerciale, riesca a non far rimpiangere l’improvvisa e improvvida chiusura serale del suddetto Vivibistrot (causa orari del custode della Villa, pare). A proposito, non è che il sindaco Alemanno può fornire, chessò, un guardiano notturno almeno una sera a settimana o, alle brutte, dislocare in Villa, all’ora dell’aperitivo, i due soldati in divisa che stazionano ogni sera, inutilmente, davanti al vicino e tranquillissimo Fontanone del Gianicolo?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi