Perché conviene essere finiani quando si prende l'aperitivo a Fregene

In tempi di bicicletta, l’aperitivista romano che sia altresì utente di "Roma'n' bike”, il progetto di bike sharing veltroniano (ma oggi pure alemanniano), si trova impossibilitato a frequentare i bar di Trastevere, dove le bici comunali non sono ancora approdate. Se ha la macchina, però, il suddetto aperitivista può evitare di inquinare la città spostandosi sul litorale.

23 Luglio 2008 alle 13:00

Perché conviene essere finiani quando si prende l'aperitivo a Fregene

Fregene - Foto LaPresse

In tempi di bicicletta, l’aperitivista romano che sia altresì utente di "Roma 'n' bike”, il progetto di bike sharing veltroniano (ma oggi pure alemanniano), si trova impossibilitato a frequentare i bar di Trastevere, dove le bici comunali non sono ancora approdate. Se ha la macchina, però, il suddetto aperitivista può evitare di inquinare la città spostandosi sul litorale. Dunque, per la seconda puntata di Aperitivi Estate, non si può non accogliere la segnalazione di Benedetta, giovanissima aperitivista (due anni) che, al seguito di genitori foglianti e vacanzieri in riviera laziale, si è trovata ad apprezzare l’happy hour a Fregene, si aggirava soddisfatta, con piglio marziale, a poca distanza dalla bottiglia di birra paterna, tra i tavoli del Singita, stabilimento-bar altrimenti detto “Miracle Beach”, regno di ragazze biancovestite che mangiano sushi bevendo mojito e caipiroska su teli stesi di fronte al tramonto. Nonostante il sorriso di Benedetta lasci intendere che il Singita non piace soltanto a Claudio Santamaria e ad altri attori giovani, carini e occupati (Claudio non è single), e nonostante il luogo faccia dimenticare di essere a Fregene l’avversione preconcetta dell’aperitivista scrivente per Fregene non scompare, soprattutto per via del parcheggio scomodo e/o impossibile. Però si affievolisce, specie dopo aver provato alcuni locali insoddisfacenti di Formentera (vedi puntata precedente). Dunque, Singita sia. No categorico, invece, per “La Rambla”, stabilimento della vicina Maccarese che propone aperitivi meno lounge del Singita (cioè più incasinati, a livello di cibi, bevande e avventori), e soprattutto promette feste house in riva al mare. Il problema non è la musica, effettivamente house di livello decente, né la durata della festa (dodici ore). Il problema non sono neanche gli avventori, a patto che siate amanti del genere “stivale d’estate e pareo vedo-non vedo” per le donne e “ciabattine e caftano” per gli uomini. Se non siete amanti del genere, nun se po’ ffa', come dice W. Volendo, ci si può spostare allo Scoglio, sempre a Maccarese, poltrone colorate tipo stanzetta dei bambini Ikea. Qui però dovete essere amanti del genere finiano (è frequentato dall’entourage dei giovani finiani, nel senso di Gianfranco Fini). Se non siete amanti del genere, nun se po' ffa' neanche qui: tornate a Roma e andate in bici in luoghi coperti dal servizio bike-sharing di veltroniana memoria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi