La strategia antibufala di Amazon in Italia

Dopo la polemica sul braccialetti per il personale, l'azienda si sta attrezzando in maniera specifica

Amazon

LaPresse/PA

Quattro notizie, tre delle quali stranote. Prima notizia. Il Consiglio di Stato ha bocciato il programma del Politecnico di Milano sull’istituzione di corsi di laurea in inglese, con la convinta approvazione dell’ Accademia della Crusca. Seconda notizia. Il Consiglio di Stato, dopo 16 decisioni del Tar e 6 dello stesso Consiglio di Stato, a volte in un senso, a volte nell’altro, ha infine deciso che i direttori dei musei italiani non possano essere stranieri. Solo italiani. Pare però, proprio ieri, che abbia stabilito di ridecidere un’altra volta. Prossimamente. Non ha detto quando. Terza notizia. La terza notizia non c’è. Però c’è. Cioè: Amazon ancora non ha deciso nulla su eventuali braccialetti per il personale, al momento solo in fase di brevetto e la cui funzione, forse positiva, poi chi lo sa, magari no, ancora non è chiara. Eppure il dibattito, che verte sul nulla, già ferve accanito. Solo in un senso. Quarta notizia, questa inedita. La stessa Amazon sta attrezzandosi in maniera specifica, sul mercato italiano, a fronte di una tumultuosa domanda per anelli da naso e sveglie da collo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    03 Febbraio 2018 - 09:09

    Anelli da naso e sveglie da collo andranno a ruba. Mezza Italia sa tutto di Bilderberg, scie chimiche, USA e CIA, Israele e Mossad, glifosate e olio di palma, vaccini e fiori di Bach ma consegna ogni giorno allegramente a Facebook, a Google e soprattutto a Casaleggio anche gli orari in cui va in bagno (anche tramite braccialetti activity tracker connessi con le piattaforme social-fitness). Evviva Amazon che mi fa risparmiare ogni anno almeno l'equivalente di tre stipendi rubati da Di Maio, montagne di tempo da dedicare ad altro più interessante che vagolare per negozi fisici, acquisti spesso sbagliati per insufficiente assortimento.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    03 Febbraio 2018 - 08:08

    Alcuno si pone la questione drammatica di uno stato in cui la giustizia viene esercitata quotidianamente da un esercito di giudicanti legittimati a farlo in nome del popolo italiano da legislatori per lo più inclini persino a normare le norme? Chi son io per giudicare si e’ chiesto il vicario di Cristo in terra, sommo pontefice dei cristiani. Quanti sommi pontefici laici ogni giorno giudicano senza porsi il problema, con verdetti per di più sovente contraddittori sicche’ parlar di caos e’ un eufemismo?

    Report

    Rispondi

Servizi