Grand Manhattan Hotel

Ci veniva Kennedy con Jackie e pure Marilyn. Ci abitano ereditiere e anziani ricchissimi. Abbiamo fatto su e giù con gli ascensori del più aristocratico albergo di New York. Come guida, due italiani

Grand Manhattan Hotel

Un ristorante del Carlyle, nell’Upper East Side di Manhattan: stanze, suite e quaranta appartamenti privati di lusso vecchio stile (Foto via Wikimedia Commons)

Che fa, sale?” dice l’anziano signore in tenuta da palestra al primo piano, che ci ricorda tanto qualcuno ma non ci si ricorda chi. Sembra Pierre Bergé ma è impossibile perché è morto qualche mese fa. Intanto l’ascensorista in guanti bianchi, guanti come quelli di Topolino, dice “buongiorno signore, che piano?”. “Aspetti”, entra una signora con perle inestimabili e un levriero alto quanto un vitello, l’ascensorista la saluta per nome, lei sbuffa, “che stanno facendo tutti quei fotografi nella hall?”...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi