In attesa di una legge elettorale, almeno risparmiateci le coalizioni

Se ne parla da ventitré anni, come se fosse la soluzione ai problemi della politica. Eppure spesso ne è stata la loro causa

In attesa di una legge elettorale, almeno risparmiateci le coalizioni

Fausto Bertinotti con Romano Prodi (foto LaPresse)

Si aggira un fantasma dalle parti del dibattito sulla legge elettorale. Un fantasma chiamato “coalizione”, che molti si affannano a proporci come soluzione a tutti i problemi della politica nazionale mentre invece ne è la causa o, quantomeno, una fedele rappresentazione. Di coalizioni si parla da ormai 23 anni, cioè dalla data di nascita della Seconda Repubblica.

 

E’ infatti con le elezioni del 1994 che diventa d’attualità il tema, mostrando subito la sua totale inadeguatezza: Berlusconi vince a marzo le elezioni ma a dicembre un socio fondamentale della compagine lo abbandona (Umberto Bossi), provocando la fine del governo a meno di otto mesi dall’avvio.

 

Ci riprova Romano Prodi nel 1996 e fa la stessa fine, solo un poco più tardi: a ottobre del 1998 nasce il governo D’Alema sostenuto da una maggioranza diversa da quella uscita vincitrice dalle urne (entra Cossiga ed esce Bertinotti), con Rifondazione comunista che annuncia voto contrario alla Legge di bilancio del professore, provocando così la fine dell’Ulivo prima maniera.

 

Siamo al 2001 e Berlusconi rivince le elezioni. Regge cinque anni a Palazzo Chigi (unico caso nell’intera storia della Seconda Repubblica), ma sopporta le pene dell’inferno, con An che gli impone il cambio del ministro dell'Economia (Siniscalco al posto di Tremonti) e l’Udc (segretario Follini) che lo obbliga a una crisi di governo (aprile 2005).

 

Arriva il 2006 e Romano Prodi prende la sua rivincita. Torna a Palazzo Chigi, ma ci resta 18 mesi e poco più. All’inizio del 2008 se ne va il partito di Clemente Mastella e il segretario del Pd (Veltroni) non si oppone allo scivolamento verso le elezioni: la coalizione mostra quotidianamente limiti impressionanti, con una cabina di regia ingovernabile piena zeppa di partitini litigiosi.

 

Si va dunque al voto e Berlusconi porta a casa la sue terza affermazione. Questa volta addirittura fondendo Forza Italia con Alleanza nazionale, per rendere più compatta la coalizione. Già sappiamo come finisce: il litigio con Fini raggiunge vette maestose e il presidente della Camera viene espulso dal partito di cui è fondatore. Il governo galleggia a fatica sotto le mazzate dello spread e nell’autunno del 2011 crolla, senza nemmeno passare dalla sfiducia in Parlamento. A Palazzo Chigi arriva Mario Monti, il che non era esattamente nei piani degli elettori italiani.

 

Siamo così alle ultime elezioni, quelle del 2013. Anche qui si votano delle coalizioni (o giù di lì), ma al governo ci va Letta sostenuto da una maggioranza mista, che nessuno aveva proposto agli italiani. Lo stesso dicasi per il governo Renzi, che nasce con fiducia parlamentare votata dal suo partito più una nutrita pattuglia di eletti con Forza Italia.

 

Insomma le coalizioni sono state da tutti sventolate prima delle elezioni e brutalmente abbandonate dopo, cedendo il passo ai peggiori istinti trasformisti che albergano nelle assemblee elettive. Purtroppo l’evidenza empirica dimostra che queste compagini sono come le città costruite per i film western: ci sono soltanto le facciate delle case, perché quello serve a girare le scene (cioè celebrare le elezioni). Poi vale tutto, soprattutto vale farsi beffe della volontà popolare, che naturalmente viene richiamata ad ogni pié sospinto con enfasi tragicomica. Cosa serve allora per la prossima tornata elettorale, visto che bisogna armonizzare la legge (tagliuzzata dalla Consulta) con cui andremo a votare? La risposta non è così complessa.

 

L’ideale sarebbe un sistema di tipo francese, che ha innumerevoli pregi (e che peraltro da noi funziona egregiamente per i comuni), cioè elezione diretta della massima carica istituzionale con sistema a doppio turno. Però questa oggi è fantascienza, perché nel Parlamento in carica non c’è modo di votare una riforma così importante (dalle pesanti implicazioni costituzionali).

Così il proporzionale tira fuori il peggio di noi

La sinistra riscopre le tasse, la destra vuole affondare i barconi e i Cinque stelle, con le loro contraddizioni, usano argomenti di estrema destra e di estrema sinistra. Ma quando ci sarà da formare un governo?

Resta allora una legge proporzionale con significativa soglia di sbarramento (ad esempio il 5 per cento). Quel che conta insomma è serietà verso gli elettori. Meglio veder nascere un governo con maggioranza che si crea dopo il voto, con ogni partito che si assume le sue responsabilità, piuttosto che evocare per l’ennesima volta il fantasma triste e truffaldino della coalizione. Ci pensino seriamente anche quei gentiluomini come Giuliano Pisapia che, pur con intenti nobili, cercano di riportarci lì. Serenamente: abbiamo già dato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    04 Maggio 2017 - 23:11

    Faccio notare che il doppio turno non è condizione necessaria per il funzionamento della legge per l'elezione dei sindaci: la maggior parte dei comuni italiani, quella con meno di 15.000 abitanti, li elegge tranquillamente a turno unico. E nelle grandi città in cui si è votato nel 2016, il doppio turno ha capovolto solo il risultato di Torino, permettendo alla Appendino di superare Fassino. E poi, a differenza della Francia, vengono eletti sia il sindaco che i consiglieri. Invece le presidenziali francesi non eleggono anche i deputati, da qui il rischio di "coabitazioni" tipo Chirac-Jospin.

    Report

    Rispondi

  • Roberto Cattani

    04 Maggio 2017 - 16:04

    Esimio Arditti, dov'era il 27 gennaio u.s.? Lo sa che in quella data la Consulta "ha accolto le questioni, sollevate dai Tribunali di Torino, Perugia, Trieste e Genova, relative al turno di ballottaggio, dichiarando l’ illegittimità costituzionale delle disposizioni che lo prevedono"? Il ballottaggio funziona egregiamente nei Comuni? Ricorda chi ha eletto i sindaci grillini di Torino e Roma: non propriamente due comunelli? Savini, Meloni, Alemanno, Marino, Borghezio ... Poi la Consulta e i Tribunali di Torino, Perugia, Trieste e Genova dovrebbero spiegare agli Italiani perché il ballottaggio è incostituzionale per il Parlamento e non per Regioni e Comuni. Ma questa è già un'altra storia.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    04 Maggio 2017 - 12:12

    A parte che prima o poi, meglio subito, bisogna fare una riforma costituzionale di quest' Italia, magari eleggendo un'Assemblea Costituente, sarebbe ora è tempo di fare una legge elettorale che valga per sempre, non appannaggio della maggioranza di turno. Quanto allo sbarramento del 5 per cento è da mezzo secolo che si parla e si scrive, con riferimento alla vicina Germania, ma poi arrivano i partitini dello zero virgola e siamo alle solite, scoprendo sbarramenti di coalizioni , ovvero la solita minestra all'italiana , per la confusione perenne.

    Report

    Rispondi

  • Lou Canova

    04 Maggio 2017 - 12:12

    Completamente d'accordo. Siamo davvero un paese paradossale, ci vuole coraggio per riproporre oggi in Italia coalizioni e gioiose macchine da guerra.

    Report

    Rispondi

Servizi