Da Milano a Roma: il voto popolare è di nuovo in balìa dello strapotere giudiziario. Anche grazie ai grillini

Grillo che grida al complotto contraddice tutta l’impostazione giustizialista su cui si fonda la retorica becera del M5s

 

Grillo

Beppe Grillo (foto LaPresse)

Le iniziative giudiziarie simultanee che hanno colpito le amministrazioni civiche delle due maggori città italiane, e che seguono quella che ha avuto come oggetto un discorso elettorale del presidente della Campania, Vincenzo De Luca, danno la sensazione di un paese ancora una volta in balìa delle procure. Il caso milanese mostra come sia più rilevante la lotta interna alla procura che il giudizio elettorale dei cittadini. Il lungo rimpallo tra inquirenti e procura generale aveva consentito che le elezioni meneghine...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    18 Dicembre 2016 - 07:07

    Ma Marra avrebbe ricevuto una tangente tramite assegno circolare? Ma siamo sicuri che questa storia non è una bufala come "Mafia Capitale"?

    Report

    Rispondi

Servizi