Vaccinarsi dal grillismo. Dal referendum emerge un nuovo bipolarismo

Matteo Renzi ha tanti non-amici, ma un solo vero nemico, il padre-padrone dei Cinque Stelle. Perché?

Vaccinarsi dal grillismo. Dal referendum emerge un nuovo bipolarismo

La deputata grillina Maria Spadoni (foto LaPresse)

Chi è l’avversario di Renzi? Grillo. Se applichiamo la teoria di Carl Schmitt al quadro politico la conclusione è la seguente: il premier ha tanti non-amici, ma un solo vero nemico, il padre-padrone dei Cinque Stelle. Perché? Facciamo prima un salto nel passato. Il Partito democratico alla sua nascita aveva un avversario ben diverso da quello pentastellato: il Pdl nacque in una fase incandescente dei rapporti tra Forza Italia e An, fu catapultato nella scena via predellino e si capì subito che comunque non sarebbe andato lontano: c’era già una faglia profonda e lo scotch di quella sera a San Babila era insufficiente a tenere insieme Fini e Berlusconi. Il Pd al contrario era figlio di un’idea che rompeva la liturgia monolitica italiana (tanto da indurre gli avversari del centro-destra a provare una fusione a freddo) si nutriva di competizione e primarie, aveva due figure moderate (Walter Veltroni e Francesco Rutelli) con un terreno comune, l’esperienza di governo prodiana e l’amministrazione della Capitale. L’avversario interno era – allora come oggi – Massimo D’Alema che aveva un disegno egemonico di altro segno.

Il partito che nascerà il 5 dicembre

Non esiste una via d’uscita per Renzi in caso di sconfitta. A meno che…

Il Pdl era un naturale avversario del Pd, ma non poteva costituire un pericolo mortale, per la sua debolezza intrinseca, la prospettiva di una breve durata come somma di forze divergenti e, in più, la natura del suo leader, Berlusconi, imprevedibile perfino a se stesso, uno spiazzista in servizio permanente effettivo, un formidabile frontrunner elettorale, capace di cadere e rialzarsi quando veniva dato per spacciato, un monarca annoiato dal tran tran partitante al punto da favorire una improduttiva anarchia azzurrina, incastrato nel suo conflitto di interessi messo in piazza e giudicato di volta in volta dagli elettori, incapace per sua natura di infliggere il colpo del ko alla sinistra di cui, in fondo, aveva bisogno per definire di fronte ai suoi elettori il suo spazio di manovra politico. Con Berlusconi potevi perdere, ma non morivi mai. Con Berlusconi si poteva vincere, e infatti la sinistra ha avuto le sue occasioni (in parte sprecate, come ha fatto lo stesso Berlusconi) di governo del paese.

Torniamo al presente. Con Grillo la faccenda è diversa. Il comico trasformatosi in politico appartiene alla categoria dei distruttori totali. Questo è il punto sul quale i protagonisti della scena politica italiana dovrebbero riflettere con estrema attenzione. A Berlusconi in questa fase non sarebbe mai venuto in mente di definire un avversario “una scrofa ferita”, un linguaggio truculento, melmoso, ombroso fino a generare inquietudine, parole che sulle labbra di un Salvini qualunque sarebbero degne di attenzione quanto le sue felpe da rapper della Ghisolfa, nel racconto di Grillo assumono le sembianze di una distopia in cui l’antagonista viene scagliato nel fango, negli escrementi e infine trasformato in “pasto nudo”, titolo di un romanzo-incubo di William S. Burroughs sul controllo delle menti. Mai come in questo caso, la parola è rivelatrice della cosa in sé, delle sue pulsioni distruttrici, del suo essere foresta di pugnali e legge della giungla. Il totalitarismo pentastellato si esprime nella degradazione dell’avversario a animale da macello, nell’assalto alla diligenza con la presa finale dello scalpo e la danza intorno al totem. E’ sempre il linguaggio a dare la cifra finale di questa distopia in fieri. Nell’ultimo post del blog di Grillo compaiono parole come “menomato” e “lesioni”, c’è un ricercato, continuo, ossessivo riferimento all’offesa del corpo, alla sua deformazione psichica e fisica. Il movimento grillino è composto dalla mente ordinatrice del capo e dalle sue truppe pronte alla caccia e al sacrificio. E’ la muta descritta mirabilmente da Elias Canetti in Massa e Potere.

Renzi uno e due. Dove può finire il premier se il 4 dicembre vincerà il No

Non si vota su come è scritto l’articolo 70 Cost., si vota sul rétour à la normale o sulla prospettiva, come dicono i romani, di darsi una “smossa". Indagine sul piccolo cabotaggio post-renziano

Il referendum sarà la prova di questa differenza letale, un sentiero che si biforcherà dopo il voto. Berlusconi e Grillo hanno obiettivi divergenti e tra qualche giorno ne vedremo la plastica rappresentazione: Silvio gioca una partita a scacchi che poggia su un No personale (il suo, figlio di un Mattarella non condiviso) e un Sì dell’azienda (il collettivo, in cerca di stabilità) per essere ben posizionato nel dopo in ogni caso (e con Renzi); Beppe punta l’alabarda sugli avversari, è Attila, nessuno deve sopravvivere al suo passaggio. E’ un piano metodico, senza alleati. Il 5 dicembre ha una storia già scritta. Sì o No, presto o tardi apparirà chiara la reale posta in gioco: il tutti contro uno di oggi (Renzi) è una finzione che verrà sostituita dalla realtà, l’uno contro tutti di Grillo oggi e domani. Il nemico si vede, è quello che marcia da solo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauro

    24 Novembre 2016 - 10:10

    Di solito dò un'occhiata al Giornale, adesso di Sallusti, e ho notato un cambiamento sostanziale, almeno tra quelli che intervengono sui suoi blog, tra i lettori del tempo di Montanelli e quelli di adesso. I lettori di Montanelli non lo seguirono, e lo dissero, quando i suoi capricci lo opposero a Berlusconi, quelli di adesso seguono entusiasticamente e lo proclamano i capricci berlusconiani (qualunque calcolo ci sia dietro) di oggi. Sarà una diversità di generazione. Ciò detto, concordando pienamente con le considerazioni dell'articolo sulla pericolosità di una personalità come quella di Grillo e sulla coincidenza con le teorie di Canetti, si consolida sempre di più la mia convinzione di berlusconiano del tempo che fu, che adesso Berlusconi rappresenta un serio danno per la nostra patria. Peccato.

    Report

    Rispondi

    • lupimor@gmail.com

      lupimor

      24 Novembre 2016 - 15:03

      Fai come me: mai innamorarsi di un uomo politico o partito. Tutti, agiranno sempre e comunque, anteponendo i loro fini, scopi e azioni, agli ideali che affermano di seguire o di volere realizzare. Non sono mascalzoni, sono solo uomini, come tutti noi. Per cui mai, aspettarsi che possano essere quello che "non possono essere". Ti dico sinceramente che nessun politico mi ha mai deluso, in sé. I delusi sono quelli che "immaginavano, credevano" d'aver trovato la scarpa giusta. Quale? Quella che permetteva di prendere a calci in culo quelli che ti stavano sui coglioni "i nemici". E' così da sempre e, sempre sarà così. Poi accade che t'accorgi che la scarpa giusta non era. Ma non è colpa loro, è colpa tua che li avevi rivestiti di virtù e capacità che non avevano. Io ho capito, da tanto tempo, che la lotta per il potere non ha colore o qualità particolari. Tutto si gioca sulla suggestione, l'emotività e, le aspettative di "panem et circences". Ho sempre scelto, senza innamorarmi mai. Ciao.

      Report

      Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    24 Novembre 2016 - 02:02

    Poiché i consensi in voti possono venire solo da chi, o è un suo alter ego. o da imbecilli frustrati e furiosi, c'è da chiedersi quanti saranno. Una cosa è certa: quell'elettorato non farà mai la rivoluzione coi forconi, le truppe votate al sacrificio può immaginarsele solo lui. Qell'elettorato sopravviverà finché piccole menti distorte, o strateghi così sopraffini da tramutarsi in narcisi suicidi, penseranno possa essere utile ai loro fini. Non occorre un vaccino, è già affetto da malattia autoimmune: una condizione patologica causata da una reazione avversa e diretta contro costituenti propri. Poiché è una patologia irreversibile, anzi predisponente ad attivare altri elementi "contro se stesso", non cadiamo nella tentazione di dargli troppa importanza. Oddio, nel gioco mediatico ci sta tutto e di più. Ma, o va ai giardinetti o finirà per dire NO anche a se stesso.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    23 Novembre 2016 - 21:09

    Ottimo articolo. Ma io vado oltre. Per me il grillismo è qualcosa che nato "forse" con le migliori intenzioni, come d'altra parte molti dei movimenti super ideologizzati del '900, si sta via via trasformando in qualcosa di oscuro, minaccioso, prevaricante. Fu così per il nazismo, il fascismo, il comunismo stalinista, ecc. L'uso dell'ingiuria volgare e sanguinosa all'indirizzo degli avversari, anzi dei nemici, l'assolutismo di Grillo, ormai incontenibile e fuori misura (non dimentichiamo d'altronde che il comico è pregiudicato per omicidio plurimo colposo in cui alla guida di un suv si inoltrò in un viottolo di montagna ghiacciato e interdetto, provocando la morte di tre persone fra cui un bambino) rendono lo scenario assai preoccupante. Quousque tandem abutere, Catilina, patientia nostra? "Quamdiu etiam furor iste tuus nos eludet? Quem ad finem sese effrenata iactabit audacia?

    Report

    Rispondi

Servizi