Il Trovatore che Verdi, l’antitaliano, compose per gli italiani

In scena in questi giorni al Teatro dell’Opera di Roma uno dei titoli più amati dai melomani. Che rappresenta bene il carattere e l’idea stessa della nazione. Viaggio tra i segreti di fabbricazione di un capolavoro

Il Trovatore che Verdi, l’antitaliano, compose per gli italiani

“Il trovatore” in una figurina Liebig dei primi anni del Novecento. L’opera fu rappresentata per la prima volta il 19 gennaio 1853 al Teatro Apollo di Roma

Una zingara che uccide un bambino gettandolo nel fuoco, ma poi si accorge di aver ucciso suo figlio, anziché quello del conte, che andava punito perché aveva condannato al rogo sua madre, accusandola di stregoneria. Due fratelli che si ignorano e si danno battaglia, perché si innamorano fatalmente della stessa donna, la quale ama perdutamente il cavaliere conosciuto in un torneo – Manrico il trovatore, il suonatore di liuto che canta alla luce della luna sotto il di lei balcone...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi