Perché i leader del "movimento degli ombrelli" di Hong Kong sono stati condannati al carcere

Joshua Wong, Nathan Law e Alex Chow sono tre dei più importanti protagonisti di Occupy Hong Kong, il movimento democratico che nel 2014 bloccò la metropoli asiatica per settimane. L'Alta corte ha ribaltato la sentenza di primo grado

Eugenio Cau

Email:

cau@ilfoglio.it

Joshua Wong e altri due studenti di Hong Kong, leader del movimento per la democrazia nella città cinese, sono stati condannati alla reclusione dopo che una Corte di appello ha giudicato le condanne iniziali ai lavori socialmente utili troppo poco severe.

  

Joshua Wong, Nathan Law e Alex Chow sono tre dei più importanti leader di Occupy Hong Kong, il movimento democratico che nel 2014 bloccò la metropoli asiatica per settimane, chiedendo suffragio universale alle elezioni e il rispetto del sistema di libertà civili che garantisce i rapporti tra Hong Kong, ex colonia britannica, e la madrepatria, la Cina.

  

Alex Chow (foto via Wikimedia)


   

Nathan Law (foto via Wikimedia)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    17 Agosto 2017 - 19:07

    L'alta corte di Honk-Kong ha fatto bene a condannare gli attivisti .Il loro fine è solo materiale vogliono diventare famosi arrivare al potere e forse vincere al lotteria nazionale.

    Report

    Rispondi

Servizi