Il Brennero, o la Fortezza Bastiani impazzita in loop

Al confine non c’era niente. Né carri armati asburgici né migranti, come ci assicuravano con effetto ipnotico le breaking news

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

Il Brennero, o la Fortezza Bastiani impazzita in loop

Nelle redazioni c’è sempre una tv accesa in qualche stanza, volume basso, più che altro in memoria di quando noi della carta stampata si pendeva dalle breaking news della Cnn e non dai social. Ma è come spostare un quadro, è il conforto di un parente autorevole che sta lì e ti guarda, seppure non lo guardi. Così c’è sempre uno schermo sui canali delle news 24. Succede anche a casa, ma mica tutti sono giornalisti, loro quando si rendono conto, swicciano. Ieri ad esempio, ogni volta che passavo dalla stanza con la tv accesa, c’era sempre la stessa inviata (valorosa collega, va da sé) che era lì al Brennero, sotto il cielo di smalto cobalto del confine, vicino alla mitica sbarra che non si usa più, come la tv. Ad assicurare collegamento dopo collegamento – l’effetto loop è ipnotico – che non c’era niente. Che non c’erano i carri armati asburgici; ma nemmeno i migranti (che in effetti di solito non passano da lì) e nemmeno i fanti, intesi quelli che per antica tradizione risalgono dal Piave. Non c’era niente, non accadeva niente, e ogni valoroso inviato di ogni valoroso tg 24 era lì, in loop, a confermarcelo. Tanto che ieri sera, vinti dalla noia e noi dai fanti, anche gli austriacanti hanno fatto sapere: non ci sono truppe al confine. “Capo, qui non succede niente”. “Perfetto, vai e titola: tragico vuoto”: è forse la più bella vignetta di Altan. Ma siccome non tutti sono giornalisti, ma tutti siamo umani, l’effetto di quelle immagini aveva un sovrappiù di esistenziale. Era la Fortezza Bastiani, nel sospeso formato delle breaking news.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    06 Luglio 2017 - 09:09

    Non so quanti nel 2017 coglieranno il riferimento letterario.

    Report

    Rispondi

Servizi