Il M5s e il metodo Stamina

La vicenda di Vannoni ci ricorda cos’è l’“unovaleuno” dei grillini

Il M5s e il metodo Stamina

Davide Vannoni (foto LaPresse)

I carabinieri del Nas di Torino hanno arrestato Davide Vannoni, lo scienziato della comunicazione, che si è improvvisato ricercatore con il cosiddetto “metodo Stamina” per la cura di malattie degenerative. Dopo aver patteggiato nel 2015, impegnandosi a rinunciare alla somministrazione della sua pericolosa “terapia”, Vannoni si era messo a operare all’estero, in Georgia, e stava per spostarsi a Santo Domingo quando i pm hanno deciso di fermarlo. Il caso Stamina, gonfiato dallo scandalismo mediatico e alimentato dalla demagogia politica, è...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    28 Aprile 2017 - 13:01

    Vannoni patteggiando e promettendo di non farlo più ( è molto romantico è come con i bambini che promettono di non farlo più pensando di rifarlo) è stato condannato ad una pena tutto sommato lieve. Ora proprio per aver promesso di non farlo più una pena congrua e da scontare subito .Dovrebbe aspettare in galera il verdetto della cassazione. Circuire persone disperate e con la mente fuori controllo per la disperazione di avere una persona amata destinato alla morte anzitempo non è un reato è un crimine contro la umanità.

    Report

    Rispondi

  • albertoxmura

    27 Aprile 2017 - 19:07

    "Niente sperimentazioni e verifiche della comunità scientifica, nell’epoca della democrazia diretta decide il M5s". Precisiamo: non decide il M5S ma la ristretta cerchia dei capi di quel movimento. Il gregge poi si adegua.

    Report

    Rispondi

Servizi