Pedalare per Parma e scoprire la Mecca

Una città famosa per i salumi di carne suina che favorisce l’insediamento islamico non ha perduto l’identità, ha perduto la ragione

La Mecca a Parma

Pedalo per Parma come fra i resti di una civiltà perduta e vedo i suoi monumenti come templi nella giungla della Cambogia e dello Yucatan, privati dell’originaria funzione, immersi in un contesto selvaggio e del tutto incomprensibili agli attuali visitatori. In quello che fu il convento dei frati di San Francesco da Paola vedo aprire una sala di preghiera per studenti universitari maomettani, siccome Dio acceca chi vuole perdere: una città famosa per i salumi di carne suina che favorisce l’insediamento islamico non ha perduto l’identità, ha perduto la ragione. In quello che fu il parco Ducale vedo il Tempietto d’Arcadia, delizia neoclassica pensata per lo svago appunto delle duchesse, ridotto a discarica di rifiuti, superficie per graffitari, fondale per concerti di tamburi africani (all’imbrunire sono l’unico italiano in ettari ed ettari di giardino). Mi inoltro in bicicletta per via D’Azeglio come Conrad in battello sul fiume Congo: l’Oltretorrente è il cuore di tenebra di una città che secondo chi crede agli schermi è amministrata da un votatissimo sindaco, secondo me che credo solo ai miei occhi è in balia dell’accattonaggio e dello spaccio. Se questo è un modello politico, sia considerato un modello politico di uscita dalla cultura occidentale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Jack McGuire

    28 Giugno 2017 - 22:10

    ma quale modello politico. non ci sono modelli o progetti, figuriamoci le idee. qui conta solo vincere. governare non interessa a nessuno e questo porta al degrado materiale e sociale che abbiamo sotto gli occhi. solo il rifiuto di ogni compromesso al ribasso e il non voto può cambiare qualcosa. esattamente il contrario di quanto narra ogni giorno sto giornaletto.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    28 Giugno 2017 - 09:09

    Caro Camillo, ora meglio comprendo perché ho perduto il desiderio di ritornare nell'amata Parma dove ho piacevolmente vissuto da pendolare per lavoro per una dozzina di anni, mettendo su più di qualche chilo per le delizie di carne suina. Di questa già meravigliosa città (vivibilissima clima a parte ) credo d'aver conosciuto almeno un po' abitanti,radici e tradizioni, e dunque fatico a credere che abbiano votato in massa per il sindaco uscente. Il nuovo millennio ha indubbiamente cambiato qualcosa, anzi molto. E probabilmente in peggio, a leggerti.

    Report

    Rispondi

Servizi