L'incredibile storia del suicidio del Pd

Ha vinto e stravinto. Poi ha governato anche bene, con i mezzi che aveva. Ma oggi sembra un partito perdente, sfinito, incalzato da cazzoni che hanno eletto sindaci incapaci. Indagine sulla cialtroneria chiacchierona che tiene in ostaggio un paese

L'incredibile storia del suicidio del Pd
Una cosa unica, da sballo, come dicono i ragazzi. Grazie alla pigrizia politica di Bersani il Pd vince e non vince le elezioni del 2013. Senza la maggioranza al Senato, dopo lo sfortunato tentativo di Bersani di fare un governo senza i voti, e coi grillini che lo sfanculano grevemente, il presidente eletto dal protopd, Giorgio Napolitano, viene rieletto in situazione di penosa divisione parlamentare, e fa fare a calci nel culo al numero due del Pd Enrico Letta un...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    18 Luglio 2017 - 15:03

    Mi stupisce l'emerito stupore per la nemesi, da lui stesso illustrataci, della sinistra illusa della disfatta di Berlusconi, quando si ritrovò dominata da Berluschino.

    Report

    Rispondi

  • sara.romoli74

    18 Luglio 2017 - 15:03

    I vari Bersani, D'alema, Speranza etc. godono solo delle disgrazie altrui. Quindi se il pd alle prossime elezioni prenderà il minimo sindacale loro saranno felici. L'importante è distruggere Renzi. Poi chi verrà dopo di lui. Sono patologici. Se il pd riuscirà ancora a convincere qualcuno sarà solo per l'ottima prestazione di Gentiloni. Forse Renzi dovrebbe pensare seriamente di farsi da parte per un po'.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    18 Luglio 2017 - 14:02

    Ferrara Lei continua a difendere il royal baby ma non se ne esce. Napolitano lo ha a noi consacrato permettendogli di disarcionare in modo farsesco Letta e lui, il royal baby non ha avuto il quid di andare a nuove elezioni subito ben sapendo noi, e non lui che con questo parlamento non sarebbe andato da nessuna parte. Questo è il punto, il resto segue. Oggi ci troviamo che il royal bay, dopo anni di lotta al sindacato ottocentesco, lo (ri)chiama al suo capezzale per mediare. Mediare che cosa Ferrara, un ritorno al passato? Perfino il compagno Tispras ha cacciato i sindacati, ed il royal bay li richiama? Suvvia Direttore, che Lei sia indulgente ci può stare ma oltre no, non giova alla causa persa. I migranti e la loro scellerata gestione paracula sta facendo il resto. Minniti ci svia parlando di terroristi infiltrari nelle ong. Altra perdita di tempo. Il punto? basta ong, basta migranti e viva l'Europa che solo lei ci salverà dai cialtroni e dalle fiamme di un populismo si ma non fesso.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    18 Luglio 2017 - 13:01

    Assolutamente d'accordo con lei, Ferrara. Attribuirei soltanto qualche responsabilità in più' al cav., non estraneo alla rottura di una coalizione che, seppure surrettizia, avrebbe potuto funzionare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi