Lo spettacolo degli antifascisti su Marte

Le rievocazioni fasciste che non vogliamo vedere non riguardano un’opinione o una stupida spiaggia ma sono altre e ben più gravi. Islamofascismo, squadrismo, eugenetica, anti semitismo. Come smascherare gli antifascisti all’amatriciana

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

Lo spettacolo degli antifascisti su Marte

Playa Punta Canna, la spiaggia fascista di Chioggia (foto LaPresse)

"Maggio 1939; dopo un terribile viaggio ipodermico sotto sale, i nostri eroi riprendono conoscenza e atterrano sul pianeta rosso. Marte è ostile, rigida e s’oppone con aliena ostinazione all’irrevocabile conquista della rivoluzione fascista”. E’ estate, fa molto caldo, sudiamo tutti come dei maratoneti e quando in Italia queste condizioni si combinano con l’assenza di notizie succose capita regolarmente che al centro della discussione pubblica ripiombi per un motivo o per un altro un grande classico di mezza estate: il ritorno al fascismo.

 

Il grande classico dell’estate, che di solito precede di pochi giorni l’inesorabile invasione delle meduse tropicali, si è manifestato attraverso due episodi che hanno colpito l’attenzione dei lettori. Il primo coincide con l’appassionante dibattito sul ritorno del fascismo testimoniato dalla presenza in una spiaggia di Chioggia di alcuni nostalgici cartelli ispirati alla dottrina di Benito Mussolini. Il secondo coincide invece con l’emozionante discussione maturata in Parlamento relativa alla necessità o meno di difendere il nostro paese da leggi liberticide come quella voluta dal Pd e contestata dal Movimento 5 stelle che amplia il reato di apologia del fascismo. Il protocollo dell’indignato collettivo prevede senza possibili sfumature che venga considerato un complice del fascismo chiunque (a) non consideri la spiaggia di Chioggia la prova provata del ritorno dello spirito mussoliniano e chiunque (b) non consideri urgente per la cultura democratica del nostro paese un’estensione dell’apologia del fascismo. E’ estate, fa molto caldo, sudiamo tutti come maratoneti e bisogna avere pazienza per spiegare che l’apologia del fascismo è una cosa troppo seria per vederla incarnata nella spiaggia di uno svitato di Chioggia o nel dissenso a una legge che di fatto rischia di trasformare in reato delle semplici e stupide opinioni. Ma il dibattito di questi giorni sul ritorno inesorabile al fascismo ci offre un’occasione importante per mettere a fuoco un problema significativo che riguarda lo strabismo di una parte consistente della nostra opinione pubblica, e anche della nostra classe politica, che quando si parla di totalitarismo tende a guardare dove sono le dita che indicano e a ignorare sistematicamente dove si trova la luna. 

 

Le rievocazioni vere del fascismo che ci rifiutiamo sistematicamente di vedere non sono quelle che riguardano un’opinione sciocca o una stupida spiaggia ma sono altre, sono molto più gravi e sono queste che dovrebbero indignarci davvero e farci saltare su una sedia. Se il fascismo è inteso come la riproposizione di uno spirito totalitario a vocazione antisemita tendente a promuovere un miglioramento della razza umana e a sopprimere ogni forma di dissenso con violenti metodi di natura squadrista, occorre mettere da parte i cartelli di Chioggia e focalizzare la nostra attenzione su altre dinamiche. Occorrerebbe concentrarsi sulle gravi forme di negazionismo storico portate avanti dalle Nazioni Unite, attraverso la struttura dell’Unesco, che da anni puntano a distruggere la storia di Israele, e dunque Israele stessa, promuovendo una spietata forma di Olocausto culturale. Occorrerebbe concentrarsi non tanto sulla minaccia alla libertà contenuta in una legge che punta a estendere il perimetro dell’apologia del fascismo ma alla minaccia alla libertà costituita dall’islamofascismo contro cui non si azzardano a dire nulla o a scrivere un post gli stessi comici grillozzi che in queste ore rivendicano senza senso del ridicolo il diritto di dire di no a una legge liberticida come quella presentata dall’onorevole Fiano. Occorrerebbe fare questo ma occorrerebbe fare molto altro. Occorrerebbe, per esempio, condannare culturalmente tutte le forme di antisemitismo spacciate per libertà di espressione, simili a quelle registrate lo scorso weekend al Londra, dove nell’indifferenza dell’intellighenzia europea il Queen Elizabeth II Center di Westminster ha ospitato, nell’ambito della più grande fiera palestinese d’Europa, il capo del Consiglio dei teologi musulmani del Sud Africa, la Jamiatul Ulema, che ha scelto di paragonare gli ebrei a delle orrende “zecche”.

 

Occorrerebbe fare questo, e occorrerebbe fare anche altro. Occorrerebbe, per andare ancora avanti, non rimanere in eterno silenzio di fronte a pratiche eugenetiche, finalizzate cioè a promuovere un miglioramento della razza umane, simili a quelle che si registrano da anni in Europa, dove sono ormai scomparsi i bambini down e dove il tasso di aborto dei nascituri affetti da trisomia 21, come ricordato poche settimane fa dal Wall Street Journal, è arrivato a circa del 90 per cento, con punte del 99 per cento in Inghilterra e del 100 per cento in Islanda. Occorrerebbe fare questo e occorrerebbe fare molto altro. E, come ricorda oggi sul nostro giornale Emanuele Macaluso al nostro Salvatore Merlo, occorrerebbe per esempio non girarsi dall’altra parte di fronte a rievocazioni del fascismo ben più pericolose di un manifesto con le parole del Duce. Rievocazioni che in questo caso sono sotto gli occhi di tutti e che non possono che coincidere con l’istinto sfascista di un movimento che, sfruttando l’assenza di una legge che regolamenta il funzionamento dei partiti, punta a conquistare il potere promuovendo prassi squadriste come la cultura della gogna, il totalitarismo giudiziario e la tendenza a rinnegare i principi della democrazia rappresentativa. Nel nostro paese, purtroppo, tutto questo accade in forme molto ridotte. E, tranne il caso di qualche piccolo giornale votato a promuovere grandi battaglie, difficilmente troverete in giro commenti contro l’islamofascismo, contro il nuovo antisemitismo, contro le nuove pratiche eugenetiche, contro le derive squadriste di alcuni movimenti politici così duri come quelli che avete letto in questi giorni a proposito di due stupidi cartelli in una ridicola spiaggia di Chioggia.

 

L’antifascismo italiano, da anni, è diventato un brand utilizzanto più per condurre goffe campagne politiche che per difendere i principi di una buona democrazia. Nel nostro continente, e nel nostro paese, il fascismo rivive in forme diverse, grazie al cielo ampiamente minoritarie. Ma le forme che generalmente vengono denunciate sono sempre le stesse. Quelle cioè a basso costo politico, contro le quali è sufficiente un tweet indignato o uno status su Facebook per sentirsi scioccamente legittimati a indossare il gagliardetto dell’anti totalitarismo o la medaglietta da pseudo difensori della libertà d’espressione. E la comicità degli anti totalitaristi alla vaccinara combinata con la goffaggine degli antifascisti all’amatriciana potrebbe offrire a Corrado Guzzanti lo spunto giusto per girare un film ambientato sullo stesso pianeta rosso citato all’inizio del nostro articolo, solo con una piccola modifica nell’incipit iniziale: “Marte è ostile, rigida e s’oppone con aliena ostinazione all’irrevocabile conquista della rivoluzione antifascista”. Le scene comiche sono quelle di questi giorni e il titolo c’è già: “Antifascisti su Marte”. Perfetto, no?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    12 Luglio 2017 - 15:03

    Come giustamente nota, le forme che vengono denunciate sono sempre le stesse: a basso costo. Aggiungo più modestamente che la comicità dell'antifascismo d'ordinanza risiede anche nell'occuparsi solo di 'forme', evitando di riconoscere la sostanza quando la forma non è la camicia nera. Il tenero Bersani e la sinistra PD cinguettanti al neofascismo di borgata dell'M5S sono precisamente oggi le comiche. Oppure si potrebbe malignamente concordare con Flaiano, per il quale in Italia i fascisti si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    12 Luglio 2017 - 13:01

    Al direttore – Non vale ricordare quante, troppe, fortune editoriali e politiche e di status siano state costruite dai frequentatori dei Littoriali Fascisti, fulminati sulla via dell’antifascismo, in fondo miserie umane. Il direttore mette il dito sulla piaga culturale e truffaldina che circola nei piani alti degli intellettuali: essere fascisti, nel senso dell’intolleranza e della negazione della democrazia, addobbandosi coi panni dell’antifascismo. Purtroppo il covi nativi sono nel Palazzo di Vetro, nella ciurma dei somministratori dell’informazione e … nelle platee che si riempiono voluttuosamente la bocca di antifascismo senza essere coscienti che stanno diventando più fasciste e razziste di quanto lo siano state quelle che riempivano Piazza Venezia.

    Report

    Rispondi

    • guido.valota

      12 Luglio 2017 - 15:03

      Però il bagnino ha ritirato i cartelli. 'Obbedisco!' Insomma l'hanno fermato sul bagnasciuga e gli hanno spezzato le reni.

      Report

      Rispondi

  • Corrado Ori Tanzi

    12 Luglio 2017 - 12:12

    Articolo impeccabile. Purtroppo quando a questa classe, politica povera e miseranda, si presenta una virgola di occasione per fare del movimento tirando fuori dal solaio gli stessi slogan di sempre abbelliti con un briciolo di nuova poesia, il danno è sull'uscio. Prendiamola così: non si può più parlare dell'affaire Donnarumma? Avanti con gli antifascisti repubblichini.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    12 Luglio 2017 - 11:11

    Caro Cerasa, per dimostrare quanto lei ha ragione , basterebbe paragonare il tempo dededicato da un qualsiasi telegiornale alla spiaggia di un imbecille di Chioggia e quanto all'inqualificabile comportamento dell'Unesco e del suo negazionismo nei confronti di Israele. In questo paese esise, inoltre, un movimento che approfitta di conquistare il potere puntando sul giustizialismo e rinnegando la democrazia rappresentativa, con l'aggravante che potrebbe riuscirci.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi