Isteria americana

I nuovi iconoclasti. La guerra al passato è sfociata in violenza politica a Charlottesville. Complice un autismo culturale per cui siamo diventati tutti razzisti, compreso Cristoforo Colombo

Isteria americana

La statua di Cristoforo Colombo è rimossa da alcune università. E si susseguono atti vandalici contro le sue statue (qui a Detroit)

In principio fu lo scandalo dell’Enola Gay, l’aereo che sganciò la bomba su Hiroshima. Nel 1994 lo Smithsonian di Washington, il museo più importante d’America, decise di limitare la commemorazione del cinquantenario della bomba a un semplice troncone della carlinga del B-29, accompagnato da un breve video. Eliminati i testi che avrebbero dovuto illustrare l’attacco a Hiroshima, in cui si sottolineava la “responsabilità” di Truman di usare la bomba contro un Giappone sconfitto, “da punire” nel nome della vendetta “bianca”....

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    22 Agosto 2017 - 13:01

    .....estemporanee, che le qualifica per ció c'è sono realmente: suggestioni propagandistiche che abusano la storia, ne amputano gli anelli, cancellano le tracce degli errori e delle loro conseguenze, e di una saggia maestra di vita, fanno una schiava smemorata. (Sorry, ho scritto troppo, adesso basta!)

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      22 Agosto 2017 - 18:06

      Gentile Tamara, guardi che il razzismo moderno era già tutto in Gobineau, pubblicato quando ancora Darwin stava rimuginando sui dati raccolti durante il suo viaggio. Se parliamo poi dell'antisemitismo, andiamo MOOOLTTTOOO più indietro, in forme diverse. L'antisemitismo omicidario peraltro lo hanno inventato i francesi a fine ottocento (con l'autorevole antecedente di un tal Lutero). Consiglio la lettura dell'opera omnia di Zeev Sterhnell. Tornando a Darwin, c'è un bel libro "Colpa di Darwin ?" di uno studioso italiano molto bravo. Consiglio come lettura tardo estiva.

      Report

      Rispondi

      • tamaramerisi@gmail.com

        tamaramerisi

        23 Agosto 2017 - 11:11

        Caro Sky, gazie, leggerò. Comunque non ho detto che Darwin ha inventato lui razzismo e antisemitismo, ho solo detto che le sue teorie, come quelle di Marx, non hanno certo aiutato nè i neri nè gli ebrei. E se vogliamo trovare le radici dell'antisemitismo, troviamo i romani che crocifiggevano gli ebrei, e S.Ambrogio ben prima di Lutero. Purtroppo la storia ne è piena abbastanza da rendere superfluo cercarne l'origine (forse Caino e Abele), ma doveroso non dimenticare mai, e le statue aiutano, soprattutto se ai loro piedi nessuno lascia mai un fiore, giustamente.

        Report

        Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    22 Agosto 2017 - 12:12

    La storia è una lunga catena. Non nasce nè si sviluppa in bianco e nero, nemmeno quando riguarda bianchi e neri. Le persone e il contesto sono, sempre, grigi variabili. Pensiamo all'influenza, deleteria abbastanza, di Darwin, del suo particolare negazionismo storico (della storia del rapporto tra Dio, il Creato e l'Uomo) e le conseguenze delle sue scoperte scientifiche. Il razzismo dove molto a Darwin, e l'antisemitismo pure. Pensando agli anelli della catena, penso che dietro ogni soldato tedesco nazista c'era una madre che piangeva un figlio morto, dietro ogni confederato pure. Ogni ebreo ucciso, ogni schiavo ucciso: nessuno li riporta in vita sulla terra. Vanno quindi mandati a memoria, non vanno cancellati da essa, vittime e anche carnefici. I monumenti sono mementi. Il fatto che siano erette OGGI nuove statue di Stalin in Russia è preoccupante quanto il fatto che siano abbattute OGGI statue erette un secolo fa di Lee in America: è il contesto di queste iniziative, estemporanee, c

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    22 Agosto 2017 - 11:11

    Meglio costruire monumenti nuovi accanto ai vecchi, chi ha vinto eretto davanti a chi ha perso, il giusto opposto all'ingiusto. E passeggiando lungo i viali, alberati e monumentati, i genitori avranno qualcosa da spiegare ai figli, con le "figure" ad aiutarli. Chi non sa cosa scrivere e cosa costruire, cancella e abbatte. Abbattere e cancellare la storia è stupido perchè è vano. I distruttori di monumenti sono persone che hanno rabbia e violenza repressa (Obama incluso).

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    21 Agosto 2017 - 11:11

    Il Foglio da anni ci gira intorno.denuncia distorsioni nelle università inglesi e americani ma non dice da quale area provengono. La domanda . Chi distrugge kle effigi del passato ( anche romantico ) degli Usa. I repubblicani ,i primatisti bianchi,i democratici ,il KKK , i trumperos o c'è la maninan del neo comunismo che sta prendendo piede in America. Il comunismo in America dal 1799 ( i giacobini corsero subito nel nuovo mondo a portare la buona novella) non ha potuto attecchire per lo svolgersi straordinario degli eventi che hanno fatto la great America. Ora sono all'attacco , solo cancellando il passato ( arriveranno a Washington a Monroe a Jackson ) potranno invadere l'America riuscendo a coronare il sogno di Marx dopo un secolo e mezzo :Se non era di Marx sarà stato di Stalin Bakukin o qualche altro scervellato chessò Mao Bertinotti ora D'Attorre. Gli inchiappettatori del popolo nascono come i funghi ,spontaneamente nel bosco umano.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      21 Agosto 2017 - 21:09

      Egregio Luigi, ci sono già arrivati. Sulla CNN, il 17 scorso, la "commentatrice politica" Angela Rye ha fatto una tirata sul fatto che le statue di Washington, Jefferson, Lee (vabbè, già fatto) devono tutte essere abbattute... se non ci credete cercate su Youtube la registrazione.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi