A Tokyo tocca il ruolo di padre rassicurante (anche) con la Corea del sud

Il premier Abe parla con i vicini per rilanciare la collaborazione. Si consolida l’idea che la Casa Bianca sia pronta al “sacrificio” di Seul o Tokyo piuttosto che una metropoli americana

Per gestire l'ira trumpiana, a Tokyo tocca il ruolo di padre rassicurante (anche) con la Corea del sud

LaPresse/Reuters

Tokyo, dalla nostra inviata. Dopo il sesto test nucleare nordcoreano, che ha sorpreso i giapponesi all’ora di pranzo domenica, il giro di consultazioni internazionali ha trovato il suo quartier generale nella capitale giapponese. Da una parte ci sono i segnali contrastanti che Washington continua a inviare a Pyongyang, ma dall’altra c’è anche l’isolamento cui è sottoposta l’altra metà di questa guerra che per il momento è uno show di forze, la Corea del sud. Il presidente sudcoreano, Moon Jae-in, ha...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi