Il muro olandese contro il partito della chiusura. Rutte archivia Wilders

Il partito liberale del VVD vince le elezioni conquistando 33 seggi e guarda al centro per costruire un'alleanza per governare. Battuto nettamente il partito populista. Affluenza dell'81 per cento

Il muro olandese contro il partito della chiusura. Rutte archivia Wilders

Mark Rutte (foto LaPresse)

[Articolo aggiornato alle 07:00] Il partito liberal democratico VVD guidato dal premier uscente Mark Rutte ha vinto le elezioni nei Paesi Bassi. Sebbene i dati non siano ancora definitivi, il partito di centro destra, a oltre il 90 per cento di seggi scrutinati, avrebbe conquistato il 21,2 per cento dei voti, ossia 33 seggi sui 150 della Camera Bassa degli Stati Generali d'Olanda. Un passo indietro rispetto ai 41 che aveva conquistato alle ultime elezioni, ma abbastanza per tenere a debita distanza il partito populisti anti-Ue di Geert Wilders (PVV), che non sarebbe andato oltre alla conquista di 19 seggi, gli stessi che avrebbe conquistato i democristiani (CDA), con cui con ogni probabilità Rutte cercherà un'intesa per la formazione del governo, e uno in più dei liberali di sinistra (D66).

 

"Riceviamo questo messaggio da tutta Europa: l'Olanda ha detto no al populismo", ha commentato Rutte, sottolineando come "il nostro messaggio ai Paesi Bassi ha funzionato. Vogliamo continuare a mantenere il paese sicuro e stabile nei prossimi due anni".

 

Dei ventotto partiti in lizza per il Parlamento l'incremento maggiore dall'ultima tornata elettorale l'ha avuta il partito dei verdi del GroenLinks, che sono passati dal 2,3 per cento del 2012 al 9 per cento, ottenendo 10 seggi in più. Per la prima volta entrano, in un parlamento di un Paese europeo, 3 rappresentanti di un partito antirazzista, in questo caso il Denk, con
il 2,1 per cento conquistato. Crolla invece il partito laburista: "Un colpo durissimo, un graffio sulla nostra anima" ha commentato Sharon Dijksma, a capo della campagna laburista. "È veramente troppo presto per dire qualcosa. Evidentemente non siamo stati capaci di convincere gli elettori con le nostre politiche sociali ed i nostri programmi".

 

Il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, si è già congratulato al telefono con il primo ministro olandese per la sua "chiara vittoria", riferisce il portavoce Margaritis Schinas. Per Juncker, "un voto per l'Europa" è "un voto contro gli estremisti". E i responsabili della campagna elettorale di Rutte sostengono che gli elettori "ci hanno dato ancora fiducia". Anche il premier italiano Paolo Gentiloni ha espresso le sue congratulazioni a Rutte, insieme ai maggiori capi di stato e ai leader delle istituzioni europee.



Nella sua prima reazione su Twitter Geert Wilders ringrazia i suoi elettori ma non ammette lo smacco: "Grazie agli elettori del Pvv! Abbiamo guadagnato seggi, il primo obiettivo è raggiunto. E Rutte non mi ha fatto fuori".



 

I seggi in Olanda si sono chiusi alle 21 e il primo dato importante è la forte affluenza alle urne: 81 per cento. Alle 15.45 aveva votato il 43 per cento degli aventi diritto, contro il 37 per cento del 2012, secondo quanto riferito dall'istituto di rilevamento Ipsos.

  

Con il sistema proporzionale olandese (che ha una bassissima soglia di sbarramento) si prospetta una grande coalizione a sostegno di un nuovo governo Rutte. Stando agli exit poll i due partiti liberali (50 seggi totali) potrebbero allearsi coi democristiani (19) e raggiungere la maggioranza di 76 unendosi ai laburisti oppure i verdi, che hanno quadruplicato i propri seggi ma che sono piuttosto lontani ideologicamente dal gruppo del premier uscente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    16 Marzo 2017 - 20:08

    Il vincitore Rutte ha perso 9 o forse 10 seggi. Il perdente Wilders ha guadagnato 5 seggi. Il vincitore Rutte durante la campagna elettorale ha letto lo spartito del perdente Wilders. Sara` Rutte a fare la politica di Wilders? Nessuno parla della nascita di un poartito TurcoOlandese che ha preso 3 seggi I laburisti sono sprofondati nella "fossa delle Marianne"

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    16 Marzo 2017 - 12:12

    La vittoria di Rutte fa tirare un sospiro di sollievo. Rimane il fatto che i vari Wilders , se Juncker e compagni non cambiano passo per rilanciare l'Europa e smetterla con il burocratismo, la finanza e l'ossessione delle banche, prenderanno davvero piede, nonostante il grido d'allarme contro i cosiddetti populismi.

    Report

    Rispondi

  • gianni.rapetti

    16 Marzo 2017 - 10:10

    A riprova del fatto che se la destra (o il centro-destra, con o senza trattino, o i liberali di destra) fa cose di destra (v. vicenda turca) e non scimmiotta la socialdemocrazia, gli elettori accorrono numerosi.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    16 Marzo 2017 - 00:12

    Al direttore - Ok, gli elettori, affluenza straordinaria, 81$, hanno deciso. Ha vinto il partito liberale. Da solo non ci arrivo, potrebbe Giuliano Ferrara farmi capire cosa Il Rutte vincitore, abbia a che fare coi vari: A. Rosmini, F. Bastiat, A. de Tocqueville, J.S. Mill, H. Spencer, Lord Acton, G. Salvemini, B. Croce, L.. Einaudi, K. Adenauer, L. von Mises, W. Röpke, F. von Hayek, K. Popper, I. Berlin, M. Friedman, J. Buchanan, M.N. Rothbard, M. Novak, J. Garello, R. Sirico e R. Nozick) e P. Ostellino e M. Pera?

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      16 Marzo 2017 - 12:12

      Lupimor, poco o nulla, ma ormai tutto fa brodo. In realtà l'unica cosa che insegnano le elezioni olandesi è che se un "liberale" di destra come Rutte piglia a sberle i turchi e e annuncia politiche anti-migranti, vince le elezioni. L'Olanda non ha bisogno di Wilders, per ora, per ottenere quello che vuole. E comunque Rutte ha perso 10 seggi e il suo alleato di governo (laburisti), sparito. Altra cosa interessante, il partito etnico turco è entrato in parlamento (sotto forma di "partito antirazzista")

      Report

      Rispondi

    • mauro

      16 Marzo 2017 - 12:12

      Ma nulla, caro Moreno, e nemmeno con tutti gli altri che hai omesso per mancanza di spazio. Che vuoi che se faccia di quel vecchiume? Rutte ha a che fare solo con il futuro. Che si prospetta, almeno un Europa, equo e solidale. E, con l'eccezione di qualche pernacchia pre elettorale, (ben presto, scommettiamo, seguita da una pronta riconciliazione , accogliente.

      Report

      Rispondi

      • lupimor@gmail.com

        lupimor

        16 Marzo 2017 - 15:03

        Caio Mario è nata una nuova offerta politica: il liberalismo PolCor. Non siamo mai sazi di prenderci per il culo. Ah, la sharia.

        Report

        Rispondi

Servizi