Sconfiggere la povertà è possibile. Ma non si fa così

Stiamo sbagliando approccio: non si tratta di ridurre le diseguaglianze ma di maggiore equità. E per fare questo solo il libero mercato, orientato al bene comune, può aiutarci

Sconfiggere la povertà è possibile. Ma non si fa così

Alcuni senzatetto nell'area di Buckingham Palace, a Londra (foto LaPresse)

Le definizioni di povertà che troviamo nei dizionari di solito fanno riferimento a una “condizione”, contraddistinta da “scarsezza, penuria, insufficienza”, senza specificare il bene a cui questa scarsezza si riferisce (cfr. il dizionario Gabrielli della lingua italiana). Tale omissione, per molti versi ovvia, sta a significare che si può essere poveri di molte cose: di beni materiali, certo, dato che quella materiale è la povertà che si vede più facilmente, ma anche di beni immateriali, relazionali. Il più delle volte...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi