Flat tax da 100mila euro: così l'Italia vuole prendersi i ricconi

Spostando la residenza nel nostro paese le persone con un alto patrimonio pagheranno una tassa fissa più altri 25mila euro per ogni familiare. Anche così si fa concorrenza

Flat tax 100mila euro

Leonardo DiCaprio in The wolf of Wall Street

Una flat tax fissa da 100mila euro l'anno per attirare i più ricchi in Italia. L'agevolazione era stata prevista nell'ultima legge di bilancio, ma ora è diventata operativa con tanto di istruzioni dell'Agenzia delle Entrate, che fissa i criteri dell'imposta sostitutiva sui redditi prodotti all’estero. Anche questa è concorrenza: la misura punta a “incentivare il trasferimento della residenza nel nostro paese degli high net worth individual”, cioè i super ricchi. Magari stuzzicandoli meglio di Spagna e Regno Unito, che secondo alcune stime potrebbe fronteggiare un'emorragia di persone ad alto patrimonio a causa della Brexit. Questi paesi, del resto, avevano attratto emiri, calciatori e uomini di spettacolo anche per le carezze fiscali.

 

Il fisco forfettario è rivolto anche ai famigliari dei super ricchi, ognuno dei quali costerebbe 25mila euro in più di tasse in un'unica soluzione. L'agevolazione riguarderà solo chi è residente all'estero da almeno 9 periodi d'imposta negli ultimi 10 anni, si rinnova tacitamente ogni anno e ha una durata massima di 15 anni. La burocrazia non dovrebbe mettersi in mezzo: per richiedere l'adesione è sufficiente barrare l'apposita casella nella dichiarazione dei redditi. Per avere la garanzia di rientrare nei requisiti è anche disponibile la check list dell'Agenzia delle Entrate.

 

L’ideologia nemica dell’economia

Dati positivi, ma ora che servono altre riforme abbonda la demagogia

 

Nell'istanza, oltre ai dati anagrafici, il contribuente dovrà indicare anche “la giurisdizione o le giurisdizioni in cui ha avuto l'ultima residenza fiscale prima dell'esercizio di validità dell'opzione” e “gli stati o territori esteri per i quali intende esercitare la facoltà di non avvalersi dell'applicazione dell'imposta sostitutiva”. Il versamento dei 100mila euro deve essere effettuato in un’unica soluzione, per ciascun periodo di imposta di efficacia del regime, e tassativamente entro la data prevista per il versamento del saldo delle imposte sui redditi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    09 Marzo 2017 - 08:08

    Ieri sera Mentana, nel riportare la notizia della flat tax per ricconi, ha parlato di "un fatto che fatalmente scuoterà la fantasia di molti di noi", aggiungendo che "nessuno di noi sarebbe in grado di pagare 100.000 euro". Mentana prende molto meno di quando era al TG5, però Urbano Cairo gli paga sempre almeno 320.000 euro l'anno. Stante il vigente regime di aliquote per scaglioni di reddito dovrebbe versare all'Erario 130.770 euro. Come fa Chicco a pagare di meno? Certo ci sono le detrazioni, ma quello è l'ammontare dell'imposta calcolata sui suoi redditi da lavoro. Secondo me la Guardia di Finanza dovrebbe fare un accertamento.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    08 Marzo 2017 - 22:10

    Sì, come no? Arrivano in Italia, scuciono il 100.000 e l'anno dopo saltano su Emiliano e Grillo che strillano all'ingiustizia, gli fanno l'esproprio (proletario o di cittadinanza) e poi li spediscono nel gulag.

    Report

    Rispondi

Servizi