cerca

La famiglia regressiva

Le domeniche a casa, i figli. Ottime cose, ma non tornano per legge

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

12 Settembre 2018 alle 06:10

La famiglia regressiva

Foto Pixabay

Milano. Alberto Savinio era un tipo disincantato e caustico, detestava le incrostazioni dei buoni sentimenti e dei valori borghesi, e anche per questo non ebbe esattamente successo quando nel suo Capitano Ulisse tramutò il mito nostalgico del ritorno agli affetti familiari in una sconsolata resa al perbenismo piccolo borghese. Del resto era novant’anni fa, in pieno fascismo Dio-Patria-Famiglia. Ma il fatto che qualcuno già si prendesse la libertà di denunciare il nostos, il ritorno a casa, come un non valore...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi