cerca

Viaggio nell’università di George Soros

Come si fa a non perdere l'Europa? Lo scontro Orbán-Soros sull'università di Budapest dimostra che la difesa ideologica dell'interesse nazionale spesso diventa il suo contrario: il boicottaggio dell'interesse dei cittadini. Reportage 

11 Febbraio 2019 alle 12:46

Viaggio nell’università di George Soros

Le proteste in piazza contro la chiusura della Central European University (CEU) da parte del governo ungherese (Foto LaPresse)

La password del wi-fi per gli ospiti della Central European University è “Budapest1991”, che è l’anno di fondazione di questa università ma è anche una dichiarazione identitaria e un tuffo nel passato – e quando dici passato, a Budapest, ognuno ha un dolore che da qualche parte si riacutizza. La CEU è l’università voluta, fondata e finanziata da George Soros, un centro d’eccellenza che offre corsi post laurea, Master e Phd, che accoglie studenti da tutto il mondo – soprattutto...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Paola Peduzzi

Paola Peduzzi

Scrive di politica estera, in particolare di politica inglese, francese e americana. Tiene sul Foglio una rubrica, Cosmopolitics, che è un esperimento: raccontare la geopolitica come se fosse una storia d'amore - corteggiamenti e separazioni, confessioni e segreti, guerra e pace. Sposata, ha due figli, Anita e Ferrante.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi