Legittima difesa, solo al chiaro di luna

La Camera approva un testo che sembra più che altro una mezza misura e che non mette d'accordo nessuno

Legittima difesa, solo al chiaro di luna

La Camera dei deputati

Il tema della legittima difesa, o meglio del reato di eccesso di legittima difesa, diventato di attualità per una serie di vicende legate a rapine, è stato affrontato in Parlamento, con una legge, destinata a una difficile verifica in Senato, che però non sembra convincente. Il punto critico sta nella definizione imprecisa dei limiti nei quali questo diritto può essere effettivamente e legittimamente esercitato. Il principio più difficile da interpretare è quello della proporzionalità della difesa: un principio che se interpretato in modo estensivo in realtà nega il diritto alla legittima difesa. Il furto non è proporzionale all’omicidio o al tentato omicidio, quindi se un cittadino spara a un ladro o a un rapinatore reagisce in modo “sproporzionato” e quindi si macchia di un reato? Si trattava di decidere se modificare, abolire o precisare questo principio, che rende obbligatoria una azione penale nei confronti delle vittime di aggressioni o rapine che reagiscono. Su questo punto nodale, però, non si è trovata un’intesa, né all’interno della maggioranza né con i rappresentati delle opposizioni. Si è presa una strada diversa, quella della definizione delle condizioni temporali o psicologiche che giustificano la reazione all’aggressione. Se si reagisce con le armi durante la notte, o in condizioni di scarsa visibilità, i limiti della legittima difesa si ampliano. Anche se c’è una condizione psicologica di paura lo sparo “accidentale” viene legittimato.

 

E’ facile replicare che non si capisce perché una rapina diurna sia meno traumatica di una notturna. E che non ha senso trasformare il giudice in perito psicologico che deve determinare se l’aggredito era in condizioni particolari, quando sembra ovvio che una reazione di paura quando un estraneo si introduce illecitamente nell’abitazione o nel luogo di lavoro della vittima sia inevitabile. In sostanza il legislatore vuole ampliare la legittima difesa, ridurre l’area di applicazione del reato di eccesso, ma non sa o non vuole farlo in modo esplicito. C’è chi non vuole cedere allo spirito dell’autodifesa, chi contemporaneamente è convinto dell’esigenza di dare un segnale a chi si sente insicuro. Non si tolgono di mezzo, però, le procedure giudiziarie nei confronti delle vittime che, anche se finiscono quasi sempre con un’assoluzione, vengono percepite come un accanimento giudiziario rivolto contro chi ha subito un reato.

 

Ecco la nuova legittima difesa: si potrà reagire se l'aggressione avviene di notte

Con 225 voti a favore, 166 no e 11 astenuti la Camera ha approvato il testo che ora passa al Senato. La protesta di Salvini, allontanato dall'Aula

 

Come tutte le mezze misure, anche questa non convince appieno nessuno, il che è quasi ovvio per quel che riguarda le posizioni politiche contrapposte, ma che, trattandosi di una materia che suscita interesse reale, può ottenere l’effetto controproducente di diffondere l’impressione generale che si legiferi in modo confuso e inefficace, più per dare l’impressione di voler intervenire che con la capacità di farlo effettivamente.

 

Il divertimento di sparare. La psicologia degli americani per le armi da fuoco

I benpensanti  chiedono restrizioni conformi al "senso comune". Ma questo è un mito, non buon senso. Appunti per buonisti disinformati

 

Naturalmente non sfugge che una scelta più decisa, che sarebbe auspicabile, trova opposizioni e suscita contrasti, ma è meglio affrontarle esplicitamente e in modo argomentato che cercare di aggirarle con mezzucci che mostrano la corda dell’indecisione di fondo.   

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    04 Maggio 2017 - 17:05

    La maledetta ricerca del consenso che snatura tutto. Sto dormendo, vengo svegliato da rumori estranei al mio ambiente, si ripetono. Accendo la luce nella stanza, apro la porta e vado a vedere cosa succede, accendendo, ovviamente, tutte le luci delle scale o stanze successive. La tensione cresce, l’adrenalina scorre. Arrivo alla porta di una stanza che dà sul balcone o sul retro. I rumori si accentuano. Due situazioni: sono armato o inerme. Sono armato, entro e intravedo una o più sagome sconosciute, la luce è spenta le persone hanno loro torce. Sparo un colpo in aria, si conficcherà nel soffitto, le persone fuggono a precipizio da dove sono entrate. Accendo la luce, chiamo, il 112, riferisco l’accaduto, verbale, alla Magistratura. Oppure: dopo il colpo in aria gli intrusi mi s’avventano contro, allora sparo alle sagome. Una rimane a terra. Seguo i passi di cui sopra, il verbale va alla Magistratura. Impossibile non intervenga e non indaghi: in ambedue i casi. Inerme? fate voi.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    04 Maggio 2017 - 16:04

    Prevedo un notevole aumento di furti rapine ed aggressioni dalle ore 6,00 del mattino alle ore 19,00 della sera. Ma nelle ore diurne la vittima potrà almeno fare il solletico al delinquente?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    04 Maggio 2017 - 15:03

    Vero. L'eccesso e la proporzionalità sono cretinate , tema per sketch .In due secoli, salvo minime correzioni ,il legisaltore non ha innovato mostrando grande tonteria per non avere tenuto in conto - peggio il giudice moderno -la reazione psicologica -lo choc - di chi di giorno e moltissimo di notte trova un estraneo in casa sua ,sì sua. Un giudice che non ha mai avuto questa brutta esperienza non ha sufficiente titolo per giudicare optimo iure. E poi c'è uno svarione enorme nel reato di violazione di domicilio che prevede la querela , quasi che per la legge il ladro sia in fondo un 'imbucato 'e la pena è lieve .Eppure la costituzione in pieno ossimoro con il cod.penale recita che il domicilio è ( addirittura soch !) inviolabile tanto da pretendere che la violazione sia concessa solo ad un pubblico ufficiale con atto motivato dell'autorità giudiziaria .Che il ladro o il rapinatore abbiano una linea privilegiata rispetto alla magistratura?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    04 Maggio 2017 - 15:03

    Vero. L'eccesso e la proporzionalità sono cretinate , tema per sketch .In due secoli, salvo minime correzioni ,il legisaltore non ha innovato mostrando grande tonteria per non avere tenuto in conto - peggio il giudice moderno -la reazione psicologica -lo choc - di chi di giorno e moltissimo di notte trova un estraneo in casa sua ,sì sua. Un giudice che non ha mai avuto questa brutta esperienza non ha sufficiente titolo per giudicare optimo iure. E poi c'è uno svarione enorme nel reato di violazione di domicilio che prevede la querela , quasi che per la legge il ladro sia in fondo un 'imbucato 'e la pena è lieve .Eppure la costituzione in pieno ossimoro con il cod.penale recita che il domicilio è ( addirittura soch !) inviolabile tanto da pretendere che la violazione sia concessa solo ad un pubblico ufficiale con atto motivato dell'autorità giudiziaria .Che il ladro o il rapinatore abbiano una linea privilegiata rispetto alla magistratura?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi