Povero pop italiano

I canzonettari nostrani non hanno nulla da dire eppure si ostinano a dirlo lo stesso, e tra l’altro male, malissimo. Viaggio radiofonico all’origine del cattivo gusto contemporaneo

Povero pop italiano

Ermal Meta, il nuovo campione nazionale del verso goffo. Parlarne male è difficile: l'uomo è simpatico, e a suo sostegno scatta il Pavlov difensivo della genuinità dell'autobiografismo (foto LaPresse)

Luce e buio: per Giorgio Manganelli la letteratura era un luogo oscuro, imparentato con la tenebra, e accedervi significava intrattenere una “cerimonia con l’ombra”, perché – scriveva – solo l’ombra delle parole ne sapeva svelare la ricchezza, minando la mortificante univocità dei significati. A leggerne i testi, si direbbe invece che sulla musica leggera italiana contemporanea sfavilli imperturbato il mezzogiorno di un Ferragosto di parole fesse, affette da se stesse e da sempre più fiacche capacità, debilitate ai Caraibi perpetui...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • perturbabile

    10 Novembre 2017 - 19:07

    Che pazienza, sorbirsi tutti quei pezzi. Si fa per lavoro, certo. Giorgio Calabrese (‘....e sottolineo se’) è morto, Antonio Amurri (‘Improvvisamente’, Mina) è morto. La parola, e la sensatezza e l’intensità della suggestione d’amore (o di dolore) è poi strambata. E’ magico, tornare ai sessanta. Come dice Agostino, manca purtroppo il giudizio sulla composizione musicale pop contemporanea, che conta molto di più dei testi.

    Report

    Rispondi

  • agostinomanzi

    10 Novembre 2017 - 13:01

    Questo articolo - da solo - vale l'abbonamento di novembre. Alcune note: 1. Non butterei nel calderone i Baustelle: sono oscenamente altro dalla truppa di cui si parla; 2. Non ometterei che molti della succitata filippica sono figli di Maria (anche dell"erba); 3. Non dimenticherei che la qualità dei cosidetti dj delle radio pop - che mandano music on line - sono di pari livello; 4. B. A. non è un cantante ma un maestro d'amore: lui lo ha capito e ce lo spiega, sta a noi a imparare; 5. Le orecchie di oggi sono acclimatate a tali leccornie di scrittura pop. Mi aspetto pora un articolo di analsi della qualità musicale ( melodie armonie arrangiamenti cantato).

    Report

    Rispondi

Servizi