La Vardera forever

Ha un solo magnifico precedente la beffa del candidato finto nella campagna elettorale vera: i falsi Modigliani

La Vardera forever

Ha un solo magnifico precedente la beffa del candidato finto nella campagna elettorale vera: i falsi Modigliani. Fu quando gli studenti buontemponi fecero riemergere dall’Arno delle sculture dall’inequivocabile stile Modì. Per burlarsi nientemeno di un Giulio Carlo Argan che le certificò – magnificandole – per vere. E così Il Sindaco per finta Ismaele La Vardera, certificato per vero a Palermo da leader nazionali. Un vero Cagliostro: riesce a girare un film – già esplicitato nel manifesto elettorale “Il Sindaco, dal 12 giugno in poi” – senza che nessuno capisca. Trascina dentro la sua pellicceria tante navigate volpi della politica, quindi le fa andare in smanie procurandosi così la pubblicità gratuita quando tutti gli negano la “liberatoria”. Tutti? Totò Cuffaro, da par suo, gliela concede di buon grado: “Purché nel montaggio sia emendato il turpiloquio.” Altro che Mery per sempre, non ci sarà altro che La Vardera forever (per non dire di Totò: visse due volte ma, incessantemente, sa sempre il fatto suo).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    18 Giugno 2017 - 18:06

    Vasa vasa plus Cascio & La Vardera forever, sembra "u presepe" a casa Cupiello: Te piace u presepe? No, nun me piace.

    Report

    Rispondi

  • pia.banchelli

    18 Giugno 2017 - 11:11

    Questo La Verdera potrebbe diventare il nuovo Leoluca. Tra i due non saprei dire chi recita, ed imbonisce, meglio-Pia Banchelli

    Report

    Rispondi

Servizi