All'Unesco comandano i carnefici di Liu Xiaobo, Asia Bibi e dei dissidenti iraniani

La francese Audrey Azoulay eletta segretaria generale. Gli aguzzini della cultura a Place de Fontenoy

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

All'Unesco comandano i carnefici di Liu Xiaobo, Asia Bibi e dei dissidenti iraniani
Roma. Scossa dall’uscita annunciata di Stati Uniti e Israele, l’Unesco si prepara ad accogliere il nuovo segretario generale, l’ex ministro della Cultura francese, Audrey Azoulay, eletta venerdì sera. La crisi con l’America e lo stato ebraico si è consumata stavolta sui “pregiudizi anti israeliani” palesi da parte dell’agenzia dell’Onu per la cultura, l’educazione e la scienza (le risoluzioni antisemite su Gerusalemme e Hebron). Ma c’è di più. C’è che nel board esecutivo dell’Unesco, l’autogoverno dell’agenzia, siedono alcuni dei regimi più...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    13 Ottobre 2017 - 22:10

    Chiaro. Poi sarebbe interessante un curriculum dell'Azoulay, tanto per non illudersi su che razza di "educazione" a quale "kultura" e in base a che tipo di "scienza" quel Totem culturale cercherà di imporci. All'ONU i membri hanno eletto il loro erpiù membro. Infatti, non parla. Se è un membro...

    Report

    Rispondi

Servizi