Sturgeon ci ripensa: l'indipendenza della Scozia per ora è congelata

La leader del Partito nazionale dice che, causa Brexit, non è il momento per un nuovo referendum. Tra i motivi c'è il risultato deludente ottenuto alle elezioni

Sturgeon ci ripensa: l'indipendenza della Scozia per ora è congelata

Nicola Sturgeon (LaPresse)

Dopo avere perso 21 seggi alle ultime elezioni, la leader del Partito nazionale scozzese, Nicola Sturgeon, ha deciso che rivedrà il suo piano che prevedeva un secondo referendum per l'indipendenza. Sturgeon ha detto che ogni ipotesi in tal senso è congelata e che slitterà, con ogni probabilità all'autunno del 2018. Allora, nel migliore e meno probabile degli scenari, si concluderà anche la trattativa tra Londra e Bruxelles sulla Brexit. Nel frattempo Sturgeon ha assicurato che si batterà per ottenere le migliori condizioni possibili per la Scozia dopo la Brexit, mantenendola nel mercato unico. 

 

Il leader del Partito nazionale scozzese ha ribadito che l'idea di un paese indipendente resta uno dei suoi obiettivi per il futuro ed è probabile che entro la fine del suo mandato, nel 2021, la questione torni effettivamente di attualità. Ma per ora, ha detto Sturgeon, è il momento di fermarsi. A convincerla, ha detto, sono stati gli incontri con "centinaia" di persone che le chiedevano una pausa, data l'incertezza legata alla Brexit.

 

Piuttosto, Sturgeon si è arresa ad almeno tre dati inequivocabili: il primo, quello dei sondaggi, che non danno alcuna maggioranza ampia in favore della separazione da Londra; il secondo, la richiesta esplicita di Theresa May di non richiedere un nuovo referendum che avrebbe rischiato di indebolire ulteriormente il Regno Unito; il terzo, il risultato insoddisfacente alle elezioni, dove la rivale conservatrice Ruth Davidson ha invece guadagnato 12 seggi proprio a scapito del Partito nazionale di Sturgeon.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    27 Giugno 2017 - 19:07

    Sganasciamoci . La leader del partito nazionale scozzese allenta il piede su la Brexit. Forse anche lei ed altri stanno avendo un sussulto su il no-Brexit a tutti costi. Gli è che in natura esistono piante il cui seme interrato mette molti anni per mettere il naso del germoglio fuori a respirare . Metaforizzando anche la Brexit è seme ,per di più totalmente sconosciuto , che allo stato i più agguerriti esperti ancora non sono riusciti a collocarlo botanicamente ,si fa per dire. E cosi tutti i provvisti di palla di vetro che prevedono il futuro anche a lungo termine non hanno capito che forse i frutti ,velenosi o gustosi della Brexit, forse si assaggeranno tra uno/due/tre anni o tra dieci. Indovinala grillo. Troppi grilli a cantà.

    Report

    Rispondi

Servizi