Un fulmine brucia il Portogallo. Le fiamme devastano una foresta a nord di Lisbona

Il 95 per cento del Pedrógão Grande è stato cancellato dall'incendio scatenato da cause naturali. Molti i morti

Un incendio, probabilmente innescato da un fulmine, ha bruciato il 95 per cento della foresta di Pedrógão Grande, 160 km a nord di Lisbona, uccidendo almeno 61 persone. Tutto è iniziato sabato mattina quando "una leggera perturbazione, con poca pioggia e molti fulmini", ha colpito la zona, ha detto il responsabile del centro metereologico militare del Portogallo. La siccità delle ultime settimane e il vento forte (con folate vicine ai duecento chilometri all'ora) hanno permesso alle fiamme di espandersi velocemente, non dando la possibilità a molti turisti e residenti di fuggire. I pompieri sono ancora al lavoro

 

"Le fiamme si sono propagate in modo inspiegabile e incontrollabile", ha detto João Gomes, funzionario del ministero dell’Interno. "Non era possibile fare di più. Questo tipo di situazione è imprevedibile", ha detto il presidente Marcelo Robelo de Sousa. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi