Lavrov a Washington scherza sul caso Comey: "Perché, è stato licenziato?"

"E' stato cacciato? Sta scherzando? Sta scherzando?". Sergei Lavrov, ministro degli Esteri russo, arriva alla Casa Bianca per incontrare il segretario di stato americano Rex Tillerson e scherza con la stampa sulla notizia del giorno, il licenziamento di James Comey, direttore dell'Fbi. La mossa di Donald Trump, improvvisa al punto che lo stesso Comey ne è venuto a conoscenza dalla televisione mentre si trovava a Los Angeles, non influenzerà le relazioni col Cremlino e non ha niente a che fare con le relazioni con la Russia, fanno sapere da Mosca. In realtà è indubbio che Tillerson e Lavrov abbiano affrontato il caso Comey e che l'argomento sarà ripreso anche in occasione dell'incontro di domani tra il ministro russo e Trump. L'ormai ex capo dell'Fbi indagava sui rapporti tra l'Amministrazione americana e il Cremlino durante la campagna elettorale, anche se il presidente l'ha giustificata legalmente con l'inchiesta delle mail private di Hillary Clinton hackerate. Al centro della discussione tra Tillerson e Lavrov ci sarà la crisi siriana, per tentare di rientrare da un periodo di gelo diplomatico tra Russia e Washington che ha raggiunto l'apice con l'attacco chimico lanciato dal governo di Damasco in Siria del mese scorso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi