La delusione di Trump, che voleva salvare 100 giorni in qualche ora

Il Nafta non si tocca, la controriforma sanitaria è ferma, il piano fiscale confuso. Lo sprint a vuoto del presidente

Mattia Ferraresi

Email:

ferraresi@ilfoglio.it

La delusione di Trump, che voleva salvare 100 giorni in qualche ora
New York. Donald Trump si è mosso in modo rapido e maldestro per ottenere risultati significativi da portare al traguardo “insignificante” dei cento giorni. La Casa Bianca aveva comunicato di aver firmato più decreti di ogni altro presidente dai tempi di Roosevelt, ma ieri, mentre firmava un ordine esecutivo per estendere le trivellazioni petrolifere, il presidente si è spinto oltre: “Mai nessuno ha fatto tutto quello che abbiamo fatto noi”. In realtà, lo sprint dell’ultima settimana s’è risolto con due...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    29 Aprile 2017 - 21:09

    Nessuna sorpresa,Trump non era il candidato che la casta repubblicana voleva.Oggi e` un presidente senza partito alle spalle Praticamente e` un indipendente vicino ad alcuni repubblicani. La quasi totalita della dirigenza dell`Elefante vede Trump con gli stessi occhi dell`Elefantino Ferrara. Se Trump fallisce il partito repubblicano restera` all`opposizione per 40 anni e se lo merita.

    Report

    Rispondi

Servizi