Il fiore antisemita di Le Pen si posa sull’Internazionale della demagogia e del cialtronismo. Svegliatevi!

La candidata del Fn all’Eliseo vuole negare il passaporto israeliano agli ebrei francesi. Non servono più le indagini sociologiche sui malesseri elettorali, ma una reazione all’ondata di morchia che minaccia l’occidente

Giuliano Ferrara

Email:

ferrara@ilfoglio.it

Il fiore antisemita di Le Pen si posa sull’Internazionale della demagogia e del cialtronismo. Svegliatevi!

Lione, Convention del Front National (foto LaPresse)

Marine Le Pen, che si è fatta portavoce in Francia di Trump l’impostore e di Putin il provocatore, ora vuole togliere agli ebrei francesi la cittadinanza israeliana e la kippah. Sente la presunta voce del cuore antisemita della Francia profonda, questa Jeanne d’Arc dei bassifondi della politica demagogica che vuole svendere, per un bel po’ di voti dati alla vergognosa, le radici di inclusione libertaria del meglio dell’Europa dopo Auschwitz, un meglio che le è sconosciuto, a lei come al paparino che considera la Shoah “un dettaglio della storia”. “Portino un cappello, se proprio lo desiderano, questi ebrei. E lasciatemi finire il lavoro dell’importazione-esportazione dell’impostura nel mio paese etnicamente e razzialmente ricompattato, lasciatemelo finire in sintonia con il bellimbusto di Washington e con il mio finanziatore spregiudicato di tutte le Russie. Ho anche l’alibi: la stupida idea laicista che le religioni siano un pericolo per lo spazio pubblico repubblicano, sopra tutto in tempi di jihad”. Questa è la traduzione giusta delle esercitazioni elettorali della figliola di Jean-Marie. In famiglia non si sa o si preferisce non sapere che l’assimilazione forzata degli ebrei, e si comincia con l’aut-aut tra nazionalità francese e passaporto sionista o con il piccolo segno infranto della yarmulke, è l’equivalente simbolico di altri modi dell’annichilimento. Si è appena alzato il sipario, ed è subito Vichy.

Le Pen dimostra che lo storytelling populista funziona. Gli europeisti prendano appunti

Il messaggio feroce sul “ripristino dell’ordine in Francia” si scioglie nella cinematografia


Si può sospettare che in questa situazione le centrali del jihadismo si attivino per dare alla Francia qualche altra strage al più presto – è l’altra notizia di ieri – in maniera da portare la Le Pen al potere sull’onda della paura, in modo da suffragare meglio la sfida armata fondamentalista. Si capisce meno perché non si attivino con rumorosa ed efficace serietà gli anticorpi necessari.
Ci stiamo abituando a tutto, l’impostore americano è la carta franca, il jolly, la trumpcard, per il dilagare del peggio. E noi? Dove sono i chierici che in genere tradiscono per pudore e paura e opportunismo? Dove sta la reazione a un’ondata di morchia che minaccia di sommergere l’occidente?

 
Vabbè, i chierici facciano quel che vogliono. Continuino a impelagarsi in discussioni risibili sulla legge elettorale e sui destini di una formazione politica incostituzionale, la Casaleggio Associati, e del suo statuto di governo ispirato alla delazione, al pettegolezzo, alla paralisi amministrativa, a valori e parole d’ordine e comportamenti di serie B, ai quali non sono estranei occhiolini ideologici alla peggiore destra nazionale. Giochino pure con la Repubblica, con la nostra storia comune, con il divertissement dell’establishment sputtanato, al quale appartengono finché gli conviene e se gli conviene. Questo è un giornale che ha cercato di dare voce a quanto una volta era felice scorrettezza, e la solidarietà con Israele fu tra queste scorrettezze una priorità di conoscenza e di azione per noi. Ma passando a cose serie, forse è il momento anche per Israele, per il suo governo, di rivedere la corsa all’allineamento con i fattori di rischio ideologico e politico che inquinano la vita pubblica mondiale. O vogliamo baloccarci con l’idea che con le trombette del trumpismo si stia facendo la cosa giusta per Israele perché c’è un genero ortodosso e futile alla Casa Bianca?

 
Guardate che avere l’audacia di dire come devono girare per strada gli ebrei e di negargli il passaporto israeliano non è un evento ordinario, sopra tutto nella circostanza di una battaglia per distruggere l’Europa delle libertà e della pace contemporanea aggiungendo l’Eliseo alla Casa Bianca in preda alla pazzia cialtrona e al Cremlino che bussa alle porte dei nostri confini con le buone e con le cattive. Svegliatevi. Cercate di capire che è finito il tempo delle banalità analitiche e sociologiche, delle indagini sul malessere elettorale di questa o quella nazione: si è costruita e ha già in parte preso il potere un’Internazionale della demagogia e del cialtronismo sulla quale, e che serva almeno ad aprirvi gli occhi, ha posato ieri Marine Le Pen il suo delicato fiore di un certo spirito antisemita. Svegliatevi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • andreaspagnolorude

    13 Febbraio 2017 - 16:04

    quasi mezz'ora del mio sabato a scrivere un commento con la maledetta tastiera del telefono, cercando di far stare il mio seppur semplice pensiero nel numero massimo di caratteri consentiti, e non é online, gomplotto!!! (:

    Report

    Rispondi

  • DBartalesi

    13 Febbraio 2017 - 15:03

    Crisi economica e grandi migrazioni hanno messo a nudo, nel caro Vecchio Mondo, una contraddizione, la fine della coincidenza tra sviluppo della economia e ricchezza delle nazioni ad essa riferite. Separatesi le due, succedono cose strane.. L'economia in libero movimento premia col lavoro chi non aveva niente, e invece va a togliere il poco a chi poco aveva ma pensava di vivere di rendita. Per tutto il secolo scorso Stato e Capitale hanno marciato assieme, a volte anche con passo romano, invece oggi lo Stato e Popolo sono rimasti al treno,n metre l'economia si muove in aereo. Molto al di sopra di popoli, stati, religioni, nazioni. E muri. Vola "Air Bakunin", se ci è consentito il paradosso. Quindi, per rispondere al Nostro, noi siamo abbastanza svegli per non cedere al canto suprematista o a il fascino del nazionalismo di ritorno. No pasaran, si intende i Populisti. Ma certamente occorrerà schierarsi e battersi.(Daniele Bartalesi)

    Report

    Rispondi

  • DBartalesi

    13 Febbraio 2017 - 14:02

    Crisi economica e grandi migrazioni hanno messo a nudo, nel caro Vecchio Mondo industrializzato, una contraddizione da far tremare vene e polsi, la fine della meccanicistica coincidenza tra sviluppo della economia e ricchezza delle nazioni. Ormai avviene l'opposto. O qualcosa di strano. L'economia premia col lavoro chi non ha niente e penalizza chi ha poco ma pensava di vivere di rendita. Per tutto il secolo scorso, Stato e Capitale hanno viaggiato assieme, come certo ricorderà qualche scampato anarchico. Oggi non più. Il primo è rimasto al treno, l'altro si è globalizzato e muove in aereo. Al di sopra di popoli, stati, religioni, nazioni. E muri. Vola "Air Bakunin", ci sia riconsentito il paradosso. E comunque siamo abbastanza svegli, per rispondere all'appello del Nostro. Quel tanto che basta a non cedere all'inganno suprematista e contarstare chi scopre il fascino del nazionalismo quando ormai la nazione è un caro fantasma. (Daniele Bartalesi)

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    12 Febbraio 2017 - 15:03

    Vorrei capire. Per me la Le Pen è una iattura per l'Europa e se vince è finito un processo di aggregazione di sopravvivenza irreversibile. Saremmo sospinti , l'Europa sarebbe sospinta indietro di secoli. Detto questo la Le Pen dice: non si possono avere due passaporti, uno natio, di cittadinanza, ed uno di appartenenza religiosa. Cioè che ti viene rilasciato dallo Stato, in questo caso Israeliano solo perché si appartiene allo stesso credo religioso. Se così è o fosse, quale sarebbe la colpa della Le Pen? Lo stesso dovrebbe valere per noi cristiani, avremmo, beati noi, un passaporto mondiale come pure i musulmani. Se così fosse, perché qualcosa non torna ma non ne sono sicuro, la Le Pen non ha tutti i torti . La si attacchi ma sul doppio passaporto per via religiosa potrebbe avere ragione. Altro che pancia profonda o becera del popolo idiota. Sulla kippah possiamo soprassedere ma anche sul burka, il velo e le mascherine sugli occhi. Il tempio del credo deve esser di tutti o di nessuno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi