Fillon resiste e resta, ma deve convincere pure i suoi Républicains

Il candidato dei Républicains si difende dalle accuse e continua la sua corsa per l'Eliseo

Fillon resiste e resta, ma deve convincere pure i suoi Républicains poc

François Fillon (foto LaPresse)

Parigi. “Nulla mi farà cambiare parere, sono candidato alle elezioni presidenziali, candidato per vincere”. Ieri, durante una conferenza stampa molto attesa, François Fillon, candidato dei Républicains all’Eliseo, si è difeso dagli attacchi giudiziari che da dieci giorni lo stanno destabilizzando e, pur riconoscendo di aver assunto sua moglie Penelope come assistente parlamentare e i suoi due figli come collaboratori, ha ribadito di non avere alcuna intenzione di abbandonare la corsa per l’Eliseo, perché “tutti i fatti evocati sono legali e trasparenti”. Assumere moglie e figli “è stato un errore, me ne rammarico profondamente e rivolgo le mie scuse ai francesi”, ha detto Fillon, ma la “violenza inaudita degli attacchi subiti” e il “linciaggio della stampa” contro di lui è “qualcosa di mai visto nella storia della Quinta Repubblica. “Non ho mai violato la legge”, “il compenso versato a mia moglie era perfettamente giustificato” e il suo lavoro “indispensabile”, ha aggiunto Fillon.

 

Il suo contrattacco, però, è sembrato più che altro un’“operazione di sopravvivenza”, come ha scritto il Monde nel pomeriggio. Dopo dieci giorni di tempesta mediatico-giudiziaria, e in vista di una settimana che si annuncia decisiva per il suo futuro politico, il candidato dei Républicains ha tentato attraverso un atto di contrizione di convincere i suoi elettori che è ancora lui l’unico presidenziabile in grado di portare i neogollisti all’Eliseo e che non devono volgere lo sguardo verso il Front national (domenica, Marion Maréchal-Le Pen ha lanciato un appello diretto agli elettori fillonisti, invitandoli ad aderire al “Plan M.”, ossia al piano di Marine Le Pen per il 2017). “Vado avanti. Una nuova campagna inizia questa sera, perché sono l’unico candidato che può garantire una ripresa nazionale”, ha dichiarato Fillon. Dopo aver annunciato la pubblicazione su internet della sua dichiarazione dei redditi e del dettaglio dei compensi ricevuti da Penelope, Fillon si è difeso anche dalle accuse riguardanti la sua società di consulenza, 2F. “Ho esercitato dal 2012 al 2016 questa attività in tutta legalità, ho dato conferenze in diversi paesi e offerto consigli a diverse imprese”, ma “nessuna impresa russa”, né tantomeno il “governo russo” sono stati suoi clienti, ha detto il candidato. Oltre agli elettori, Fillon dovrà anche persuadere i suoi colleghi di partito a puntare ancora su di lui. Una parte dei parlamentari Lr giudica la sua situazione insostenibile, e chiede il ritiro immediato della sua candidatura, per passare rapidamente a un piano B.

 

Ai dissapori interni ai Républicains si aggiungono i sondaggi che lo danno fuori dai giochi già dal primo turno, con Macron e la Le Pen qualificati al ballottaggio. Oggi Fillon si recherà a Troyes per incontrare il sindaco della città, François Baroin, ex ministro dell’Economia sotto Sarkozy, che figura tra i papabili per sostituirlo in caso di abdicazione definitiva. La cerchia fillonista spinge il suo candidato a condurre una campagna attiva, mostrando la sua determinazione ad andare fino a fondo. “Non deve farsi spazzare via come una pagliuzza”, ha detto il suo consigliere politico Eric Woerth, prima di aggiungere: “L’importante è andare oltre quello che sta accadendo parlando del suo progetto politico, e cominciare veramente la campagna. All’inizio, non sarà ascoltato, ma poco a poco emergerà”. Chissà. Sabato, Fillon ha fatto distribuire tre milioni di volantini per accreditare l’idea di un presunto complotto ai suoi danni. “Stop alla caccia all’uomo! Quando è troppo è troppo!”, si legge. Da ieri, però, secondo quanto rivelato da France Info, circolerebbe anche un appello firmato da più di una decina di deputati dei Républicains rivolto ad Alain Juppé, affinché cambi idea e sostituisca Fillon per difendere l’onore dei neogollisti. L’appello potrebbe essere pubblicato nelle prossime ore, e chissà se quel “no categorico” ripetuto ieri dal sindaco di Bordeaux si trasformerà in un “oui, je reviens”. Il ritorno del “migliore tra noi”, come lo aveva chiamato Jacques Chirac. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    07 Febbraio 2017 - 16:04

    Non è tanto la gravità del fatto in se ma la tendenza alquanto "latina" e piuttosto cafona di sistemare la famiglia fregandosene dell'opportunità della cosa. Sì, secondo me Fillon è finito, almeno nel breve periodo. Questo pone un grave problema per tutti noi europei o per lo meno per quegli europei che come me, malgrado gli errori fatti, tifano per una Unione che vada avanti e si concretizzi: l'eventuale vittoria di Marie Le Pen la quale è persona determinata e come tale porterebbe effettivamente la Francia fuori dall'Unione determinandone in tal modo il crollo più o meno immediato. Senza Gran Bretagna, senza la Francia, la Grecia virtualmente fuori, senza Norvegia mai entrata , con Danimarca, Svezia, Repubblica Ceca che hanno conservato la loro moneta...insomma un vero sfacelo. Tutto ciò non deve avvenire! Il centrodestra francese deve alla svelta sostituire Fillon con..Alain Juppé, probabilmente. Anche se al primo turno dovesse vincere la Le Pen, al secondo vincerebbe Macron o Juppè

    Report

    Rispondi

Servizi