La figlia di Borsellino dura sui magistrati che avallarono il falso pentito del processo sulla strage

Così Fiammetta Borsellino stronca pure il pm Nino Di Matteo, già candidato da Grillo alla guida del Viminale

La figlia di Borsellino dura sui magistrati che avallarono il falso pentito del processo sulla strage

Una foto della strage di via D'Amelio

La stroncatura è netta. E forse, almeno stavolta, sarà fragorosa poiché proviene da Fiammetta Borsellino, figlia di Paolo, il giudice trucidato dalla mafia. Un martire che non ha avuto giustizia. Peggio, si è sgretolata la pseudo-giustizia che per decenni una foltissima schiera di magistrati ha spacciato per verità. Come abbiamo onorato i nostri morti? “Questo abbiamo avuto: un balordo della Guadagna come pentito fasullo – ha dichiarato Fiammetta al Corriere della Sera, riferendosi a Vincenzo Scarantino – e una procura...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    20 Luglio 2017 - 12:12

    Ma ieri sera Mentana nel commentare le rimostranze della figlia di Borsellino non ha detto che se l'è presa anche col ministro della Giustizia del Governo M5S.

    Report

    Rispondi

Servizi