Stoccolma, camion sulla folla. Il premier: "È terrorismo"

Secondo la polizia ci sarebbero quattro morti e quindici feriti. Un uomo è stato arrestato. Il primo ministro Lofven: "La Svezia è sotto attacco". Le FOTO

Stoccolma, camion sulla folla. Il premier:  "È terrorismo"

Stoccolma Foto LaPresse/Reuters

Un camion ha investito dei pedoni nel centro di Stoccolma, a pochi passi dalla stazione centrale, poco prima delle 15 di questo pomeriggio. La polizia ha confermato che ci sono quattro morti e quindici feriti. Una persona è stata arrestata ma non è ancora ufficiale che sia il responsabile dell'attacco, perché la polizia non si è espressa a riguardo. Nessun dettaglio è ancora stato reso noto riguardo alla sua identità e nazionalità.  

 

Il fatto è avvenuto su Drottninggatan (via della Regina), la strada dello shopping e via pedonale più famosa della capitale svedese - che collega il ponte Riksbron di Norrström e il parco di Observatorielunden. Il primo ministro Stefan Lofven ha dichiarato che, secondo le prime ricostruzioni, tutto farebbe pensare al terrorismo: "La Svezia è stata attaccata - ha detto Lofven - e tutto fa supporre un attentato terroristico". Anche la polizia ha fatto sapere di aver avviato un'indagine per il reato di terrorismo. 

  

Durante una conferenza stampa nel corso del pomeriggio la polizia ha diffuso la foto di una persona sospettata di aver a che fare con il "sospetto attacco terroristico" che corrisponderebbe all'identikit dell'uomo arrestato, come ha spiegato Jan Evensson della polizia di Stoccolma. 

 

 

La radio pubblica svedese Ekot e altri giornali locali hanno riferito che è stato udito rumore di spari negli stessi momenti in cui il camion investiva la folla, ma le autorità non hanno mai confermato l'avvenimento di alcuna sparatoria. Per ora la polizia chiede di evitare di recarsi sul luogo e avvicinarsi al centro cittadino. Tutte le metro di Stoccolma sono attualmente chiuse e il centro è completamente bloccato: non si sa ancora per quanto tempo, ha detto la polizia. Il Comune della città ha aperto le proprie porte per ospitare chi non riuscirà a tornare a casa stasera, per via del blocco dei mezzi pubblici e dell'impossibilità di raggiungere in auto il centro di Stoccolma. 

   

 

Secondo l'agenzia stampa svedese TT il camion usato contro la folla apparterrebbe all'azienda Spendrups, produttrice di birra, e sarebbe stato sequestrato e dirottato questa mattina. Il governo svedese ha convocato una riunione di emergenza e il Parlamento è stato sigillato dalle forze speciali.

 



Testimoni hanno riferito ai media locali di aver visto un camion schiantarsi contro la vetrina del grande magazzino Åhléns e persone a terra. In una foto pubblicata sui social network si vede la zona dove sarebbe avvenuto il fatto e sono evidenti alcune tracce di sangue. La zona del presunto attentato è la stessa in cui l'11 dicembre 2010 saltarono in aria due autobomba, in quello che all'epoca fu il primo attentato suicida nei paesi scandinavi. 



 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    07 Aprile 2017 - 21:09

    A laterw, ma non tanto. Avete sentito il corretto Cuperlo dalla Gruber? Sintetizzando: gli immigrati, tout cort, sono una ricchezza, la pressione fiscale?, la patrimoniale è roba di sinistra, ergo, poi confonde, volutamente, l'impoverimento generalizzato dovuto alla crisi del 2008 con "l'esplodere delle disuguaglianze", il tutto mischiato al nulla e ai luoghi comuni. Non si scappa, predomina il richiamo delle foresta. Non si rende conto che la foresta non c'è più.

    Report

    Rispondi

  • Alessandra

    07 Aprile 2017 - 17:05

    Nemmeno questo sveglierà la dittatura pol corr che impedisce di chiamare le cose col loro nome; nemmeno l'attacco vile ad un paese neutrale da sempre, accogliente e tollerante , generoso socialmente al punto di consentire un tenore di vita elevato anche ai beduini che gli svedesi hanno avuto la dabbenaggine di volere.

    Report

    Rispondi

  • gianni.rapetti

    07 Aprile 2017 - 16:04

    Beh, che volete farci, la Svezia deve farsi perdonare il suo passato di celeberrima potenza coloniale e il suo arcinoto interventismo militare in Medio Oriente.

    Report

    Rispondi

    • crooked.timber

      07 Aprile 2017 - 19:07

      Oltre allo sfrenato neoliberismo.

      Report

      Rispondi

  • gianni.rapetti

    07 Aprile 2017 - 16:04

    Integrare, integrare, integrare. Come diceva quel tale? Errare e' umano, perseverare e' diabolico?

    Report

    Rispondi

Servizi